Violenze in Siria. La condanna degli Stati Uniti


Gli Stati Uniti hanno condannato oggi le violenze occorse nel week end in Siria durante le manifestazioni contro il regime del presidente Bashar al Assad e ha avvertito che i responsabili dovranno rendere conto delle loro azioni.
“Il governo siriano ha fatto un uso sproporzionato della forza contro i civili, in particolare contro i manifestanti a Derâa – ha dichiarato oggi Tommy Vietor, portavoce del Consiglio della sicurezza nazionale americana.
La città di Derâa è da quattro giorni teatro di manifestazioni senza precedenti contro il potere. L’esercito ha istituito dei checkpoint all’ingresso della città e ha controllato le carte d’identità di coloro che volevano entrare mentre il ministro della Giustizia cercava di calmare gli animi e di aprire un dialogo con i contestatori.

Lunedì disordini si sono verificati anche nel sud della Siria, con centinaia di persone che hanno manifestato contro il governo a Jassem, secondo quanto riferito dagli attivisti, ma le autorità non sono intervenute per sedare la protesta.