Jean Olaniszyn contro la Fondazione Hesse – Dieci domande scottanti

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’autore e non coinvolge la Redazione di Ticinolive.ch.


Al Consiglio della Fondazione Hermann Hesse di Montagnola

Signori: Marc Andreae, Presidente; Silver Hesse, Vicepresidente; Giovanna Masoni Brenni (Capo dicastero della cultura della Città di Lugano); Giampiero Berra; Flavio Meroni; Herbert Kuhn; Annemaria Albek; Regina Bucher, direttrice della Fondazione e del Museo.

Invio anche ai municipali, signori Francesco Hurle e Fabio Testori, indicati nel sito del Comune di Collina d’Oro quali membri della Fondazione Hesse.


Egregi Signori, Gentili Signore,

Dovendo – amaramente – constatare che mettete in dubbio e contestate la realtà dei fatti riguardo la fondazione del Museo Hermann Hesse di Montagnola, vi chiedo cortesemente di rispondere alle seguenti 10 domande:

1) Chi ha ideato e fondato il Museo Hermann Hesse di Montagnola?

2) Chi ha affittato la Torre Camuzzi per farne la sede del Museo Hesse di Montagnola?

3) Chi ha allestito il Museo Hesse di Montagnola?

4) Chi ha finanziato e per quale importo la creazione e fondazione del Museo Hesse di Montagnola?

5) Chi ha finanziato e per quale importo la gestione del Museo Hesse di Montagnola dal 1.4.1997 al 1.10.1998?

6) Chi ha finanziato e per quale importo la promozione a livello mondiale del Museo Hermann Hesse di Montagnola dal 1.4.1997 al 1.10.1998?

7) Chi ha assunto e per quali motivi nel 1997 la signora Regina Bucher quale ausiliaria (e altre piccole mansioni: pulizia, cambio dei fiori, ecc.) a tempo parziale alla ricezione del Museo Hesse di Montagnola?

8. Chi ha riassunto e per quali motivi, nel 1998 (quando il sottoscritto e la direttrice del Museo Hesse di Montagnola signora Karin Adrian von Roques si trovavano negli USA per organizzare le mostre degli acquerelli di Hermann Hesse), la signora Regina Bucher quale impiegata a tempo parziale al Museo Hesse di Montagnola?

9) Chi ha nominato e in quali circostanze, il 1.10.1998, la signora Regina Bucher, amministratrice del Museo Hesse di Montagnola? (La novella “padrona” del Museo è stata successivamente incoronata direttrice – senza nessun titolo di studio paragonabile a quelli della defenestrata prima direttrice del Museo Karin Adrian von Roques. Addirittura Regina Bucher è stata licenziata nel luglio del 1999 e riassunta con modalità da Repubblica delle banane e in netto contrasto con il parere negativo del sottoscritto e dei finanziatori del Museo.

10) Egregi membri della Fondazione Hesse potete spiegarmi come mai il sottoscritto, che in base alle v/dichiarazioni, come pure della direttrice Bucher, sarebbe stato espulso dal museo, è stato invece socio-liquidatore dell’Associazione che ha gestito il Museo Hesse dal 1997 al 2000 e successivamente nominato dagli stessi amministratori del Museo (ricevendo – significativo gesto – l’attivo depositato sul conto del Museo alla Banca Raiffeisen di Montagnola) responsabile dell’Archivio dell’Associazione Amici Museo Hermann Hesse di Montagnola?

Non mi faccio illusioni su una vostra risposta visti i precedenti, però almeno ne rimarrà traccia, a futura memoria, nei documenti ufficiali.

Le stesse domande le ho poste all’esimio prof. Paolo Bernasconi (vostro legale che vi patrocina gratuitamente), il quale dall’alto della sua onnipotenza mette in dubbio pure lui la realtà dei fatti relativa alla creazione del Museo Hesse di Montagnola.

A onor del vero devo ringraziare la grande competenza del vostro rappresentante legale Paolo Bernasconi dato che negli allegati all’Istanza di provvedimenti cautelari inoltrata alla Pretura di Lugano, oltre ad un pacco di inutili ritagli di giornali e altrettante inutili mail concernenti vostre comunicazioni interne, ha pensato bene di “regalarmi” una documentazione che prova le mie rivendicazioni.

Dato che il prof. Paolo Bernasconi (membro dell’ordine degli avvocati del Cantone Ticino e decano della Croce Rossa Svizzera) ha dichiarato pubblicamente che addebita al sottoscritto le spese legali relative al suo “gratuito” patrocinio della Fondazione Hesse e della direttrice Regina Bucher nelle cause astiose e insensate intentate contro di me, chiederò in sede giudiziaria e usando anche altri canali ufficiali, una verifica costante dei bilanci della Fondazione Hesse.

Questo anche per appurare la veridicità delle dichiarazioni del prof. Paolo Bernasconi circa il suo presunto gratuito patrocinio nella causa con l’Associazione Terra Insubre per la quale avete sborsato (attingendo dal contributo di Fr.20.000.- dell’avv. Peter Nobel) la modica cifra di 8000 Euro, e questo per le incapacità dimostrate della vostra direttrice Regina Bucher nella gestione del caso.

Non avete proprio nulla da fare di meglio che sperperare tempo e denaro (anche se l’esimio prof. Paolo Bernasconi ha dichiarato che vi patrocina gratuitamente) in persecuzioni contro il sottoscritto?

Per cosa poi: per soddisfare i rancori personali della vostra direttrice Regina Bucher verso il sottoscritto? L’astio della signora Bucher verso il sottoscritto è palese e il fattaccio relativo alla mia ultima visita al museo (con la vostra successiva diffida d’entrata che ovviamente contesto integralmente) ne è un eclatante dimostrazione.

Mi auguro che quali rappresentanti del pensiero di Hermann Hesse vi fermiate un attimo a ragionare su quanto state facendo contro il sottoscritto fondatore del museo che amministrate e riusciate a capire che si potrebbe porre fine alla diatriba in modo molto semplice. Difatti, non sarebbe meglio riconoscere l’incontestabile verità che il sottoscritto è l’ideatore e fondatore del Museo Hermann Hesse di Montagnola? Come d’altronde già riconosciuto precedentemente da vostri rappresentanti legali e da membri del Consiglio della Fondazione Hesse di Montagnola.

Tutto qui, semplicemente la verità; e questo seguendo anche il pensiero del vostro rappresentante legale, cito: “La Verità è Lode al Signore” (prof. Paolo Bernasconi, 6.11.2011). Dal canto mio potete star certi che mi batterò fino alle più alte istanze internazionali per far valere i miei sacrosanti diritti.

Distinti saluti.

Jean Olaniszyn, Ideatore e fondatore del Museo Hermann Hesse di Montagnola