Il tratto comune delle stragi nelle scuole americane : il killer è un intelligente disturbato mentale

Quali sono i motivi che hanno spinto il giovane Adam Lanza a uccidere 26 persone nella scuola elementare Sandy Hook di Newtown, nel Connecticut? All’indomani della tragedia è ancora difficile dare una risposta.

A detta di chi lo conosceva, Lanza soffriva della sindrome di Asperger, un disturbo pervasivo dello sviluppo imparentato con l’autismo e caratterizzato da difficoltà nelle interazioni sociali.
Introverso, impacciato nelle relazioni con gli altri, era però dotato di un’intelligenza brillante.

Intelligentissimo, taciturno, visibilmente molto perturbato, una mina vagante pronta a esplodere, profondamente disturbato, affetto da problemi mentali, uno spirito torturato : così Adam Lanza viene oggi descritto da chi lo ha conosciuto.
Al liceo di Newton, dove aveva studiato, si era distinto nel 2007 ricevendo il “High honor” riservato agli studenti migliori.

Adam si distingueva anche per il suo modo di vestire, amava portare le camicie abbottonate sino al collo. Uno stile severo, molto diverso da quello degli altri ragazzi.
L’interesse per le armi lo aveva preso dalla madre, che in casa teneva una collezione di fucili e pistole. Spesso portava i suoi figli, Adam e Ryan al poligono, dove tutti e tre si esercitavano a sparare.