De gloria olivae. Benedetto XVI e la Profezia dei Papi di San Malachia

Eletto Pontefice il 19 aprile 2005, l’11 febbraio 2013 Papa Benedetto XVI ha annunciato che lascerà il pontificato a fine febbraio. Inevitabile che il pensiero corra alla Profezia dei Papi di San Malachia.

La profezia dei Papi, attribuita a San Malachia di Armagh, indica una lista dei papi che dal 1143 si sarebbero succeduti alla guida della Chiesa.
112 brevi frasi in latino ad indicare altrettanti Pontefici.
Ancora per pochi giorni, sino al prossimo 28 febbraio, siamo nel tempo del 111esimo motto, quello riferito a Papa Benedetto XVI: Gloria olivae, la gloria dell’ulivo, parole che dovrebbero far riferimento ad una pace universale che dovrebbe giungere sulla Terra.
Ci sarebbe anche un 112esimo motto, la profezia considerata quella dell’ultimo Papa della cristianità. Dovrebbe chiamarsi Pietro II, un appellativo in palese disobbedienza alla tradizione secondo cui a nessun Papa è permesso riprendere il nome dell’apostolo di Gesù, morto a Roma nel 67 d.C.

“Nella persecuzione finale della Chiesa di Roma – dice il motto – sul trono pontificio siederà Pietro il Romano, che pascolerà le sue pecore tra molte tribolazioni, passate le quali la città dei sette colli sarà distrutta e un giudice tremendo giudicherà il suo popolo.”

Tutto esaurito per la messa di Joseph Ratzinger nel tempio del baseball, lo Yankee Stadium di New York, nell’aprile 2008

Tutto esaurito per la messa di Joseph Ratzinger nel tempio del baseball, lo Yankee Stadium di New York, nell’aprile 2008




Nel maggio 2009 Ratzinger compie un viaggio in Terrasanta. Nella foto il pontefice è raccolto in preghiera davanti al Muro del pianto a Gerusalemme

Nel maggio 2009 Ratzinger compie un viaggio in Terrasanta. Nella foto il pontefice è raccolto in preghiera davanti al Muro del pianto a Gerusalemme




13 dicembre 2012 il papa inaugura con il primo “cinguettio” l’account twitter @Pontifex

13 dicembre 2012 il papa inaugura con il primo “cinguettio” l’account twitter @Pontifex