La “guerra” di Gaza al quinto giorno – Lugubre conteggio dei morti

Smoke rises from buildings in Gaza City following Israeli airstrikesQuinto giorno di bombardamenti israeliani in risposta ai razzi di Hamas dalla Striscia di Gaza verso le città ebraiche. Il conteggio dei morti (palestinesi) prosegue con angosciante monotonia. 127. Centoventisette. Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia e Germania discuteranno domani una proposta di cessate il fuoco.

L’operazione militare israeliana Protective edge prosegue con grande intensità. Un missile ha centrato un orfanotrofio a Beit Lahya (nord di Gaza), provocando la morte di tre bambine handicappate. Alcune infermiere sono rimaste ferite.

Nel rione Sheikh Radwan un drone israeliano ha sganciato un missile che ha colpito un capannello di persone in strada: sei morti, una ventina di feriti. Non è chiaro se i componenti del gruppo fossero tutti – o in parte – pericolosi terroristi.

Gli israeliani ribadiscono l’accusa, rivolta ad Hamas, di nascondere missili e armi in moschee e in istituti pubblici. Nel corso dei raid aerei israeliani 282 case di Gaza sono state rase al suolo. Altre novemila sono state danneggiate; di queste 260 non sono più abitabili.

In cinque giorni Hamas ha lanciato contro obiettivi ebraici 690 razzi. Ne possederebbe ancora a migliaia, secondo dichiarazioni israeliane. (fonte: il Fatto quotidiano)

(fdm, commento) Sorge del tutto spontanea la domanda circa una possibile strategia di Hamas celata dietro azioni apparentemente suicide. Il popolo di Gaza viene esposto al massacro in un’escalation di violenze che ci si sforza di chiamare “guerra”, essendo però tutt’altra cosa.