Anche se qualcuno sbaglia, non accettiamo lezioni – di Saverio Lurati

Lurati 2
IL PRESIDENTE DEL PARTITO SOCIALISTA COMUNICA

Adriano Venuti ha formulato il proprio pensiero in maniera impropria e irrispettosa. Ci dissociamo dalle sue dichiarazioni in merito ad alcuni esponenti della Lega, dichiarazioni, che riteniamo offensive.

Tuttavia non accettiamo lezioni da personaggi che usano sistematicamente il giornale e il sito Web del proprio partito come un manganello mediatico per offendere e calunniare. Lo provano le recenti prese di posizione di alcuni esponenti della Lega sulla dolorosa e delicata vicenda di Arlind Lokaj, nei confronti del quale sembra non esserci alcuna empatia né comprensione. Questa vicenda viene sfruttata dai Leghisti in maniera pretestuosa.

Saverio Lurati, presidente del PS e membro del Gran Consiglio


Proponiamo ai lettori il testo in questione, “improprio e irrispettoso” (Eufemio non era che un dilettante!)

“Sono due animali, non due esseri umani. Leghisti: gente senza vergogna, loro possono fare tutte le porcate che vogliono e va sempre bene. Gente piena di odio, i bipedi più schifosi dell’intero universo. Fascisti in giacca e cravatta.”

Mi ascolti per bene, egregio presidente. Lei non accetta lezioni e io mi guardo bene dall’impartirgliene. Un testo del genere non è “improprio e irrispettoso” (Lei sembra essere piuttosto forte in letteratura) bensì abominevole e da squilibrati.
— Se io fossi un membro della Direzione socialista, mi vergognerei di avere un collega del genere
— Se io fossi un membro del Municipio di Massagno, mi vergognerei di avere un collega del genere.

francesco de maria