La Federal Reserve avverte : 11 banche potrebbero provocare una nuova crisi finanziaria

Quando a lanciare l’allarme di una nuova crisi bancaria sono gli analisti indipendenti, la loro opinione viene spazzata via senza troppi complimenti. Ma cosa fare quando a mettere in guardia è la Federal Reserve, la banca centrale americana?

Il quotidiano britannico The Telegraph scrive che la Federal Reserve ha messo in guardia diverse banche: la versione 2.0 della crisi del 2008 è in agguato, visti i rischi presi da taluni istituti finanziari. La nuova crisi finanziaria verrà scatenata dalle stesse banche.

La messa in guardia riguarda 11 grandi istituti finanziari che nel caso di un fallimento hanno comunicato piani di risoluzione della crisi assolutamente inefficaci. Si tratta di JP Morgan Chase, Goldman Sachs, Deutsche Bank, Bank of America, Bank of New York Mellon, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Morgan Stanley, State Street e UBS.

“Le banche non sono assolutamente pronte – scrive la Fed in un comunicato – Quanto hanno elaborato in caso di default porterà inevitabilmente a una nuova crisi finanziaria mondiale. I loro piani propongono unicamente soluzioni assurde o un supporto diretto o indiretto dei soldi pubblici.”