Conosciamo l’Africa – Il Togo, i suoi problemi, la sua povertà

togo

È uno dei piccoli paesi dell’Africa occidentale ed ha una superficie di 56.600 Km² per una popolazione di circa 6 milioni di abitanti. Era una colonia della Germania, ma dopo la Prima Guerra Mondiale il territorio è passato sotto la tutela della Francia fino alla sua indipendenza: 27 aprile 1960. Fa parte dei Paesi più poveri, perché non ha molte risorse naturali. La sola materia prima che esporta è il fosfato. Il Togo, però, dipende dall’estero per quanto riguarda le risorse energetiche (petrolio, benzina, elettricità ecc.) e anche per alcuni prodotti di sussistenza.

La maggioranza della popolazione è analfabeta, perché circa 1/3 di essa va a scuola, ma molti si fermano alle elementari o alle medie, o a causa della mancanza di scuole, o a causa della mancanza di mezzi per studiare. Il Paese ha una sola università situata nella Capitale Lomé, dove il numero troppo elevato di studenti non permette che tutti fruiscano di borse di studio; ciò impedisce che gli studenti possano arrivare alla laurea. Gran parte della popolazione vive grazie all’agricoltura, alla pesca e all’allevamento. A causa della povertà della terra e della mancanza di acqua in alcune regioni del Paese, i contadini che lavorano i campi, da aprile fino a settembre, hanno raccolti e cibo che sono appena sufficienti per tre o quattro mesi.

Inoltre, il problema della salute costituisce grande impedimento allo sviluppo del Paese. Infatti la malaria, l’AIDS (SIDA) e altre malattie tropicali tolgono la vita a molti bambini e giovani che non hanno mezzi per curarsi, perché in alcune città e in alcuni villaggi non ci sono ospedali e medicine. Il governo, inoltre, non eroga assicurazioni sociali o pensioni per aiutare i più poveri a pagare le medicine.

Nel 1990 il paese è stato travolto da una grave crisi politica ed economica, ancora presente, che lo ha trascinato nella totale miseria. Purtroppo, nonostante le sue diverse ricchezze (culturali, turistiche ecc.), la sua apertura sul mare, fondamentale per il commercio e le relazioni con l’estero, non è mai riuscito a svilupparsi.

  • Il 15% dei neonati è sottopeso alla nascita.
  • Tra i bambini al di sotto dei 5 anni, il 25% è moderatamente o gravemente sottopeso e il 22% è rachitico.
  • Il tasso di mortalità infantile è 140 su 1000 nati vivi.
  • Il 48% delle persone non ha accesso all’acqua pulita.
  • Il 46,8% degli adulti è analfabeta.
  • Il 60% dei bambini tra i 5 e i 14 anni lavora.
  • Nella città di Lomé c’è una zona chiamata “mercato dei bambini” dove è largamente praticata la prostituzione minorile. Bambine di 9 anni vengono prostituite per due o tre dollari, a volte i poliziotti chiedono loro sesso per non arrestarle.
  • Il traffico dei bambini è uno dei principali problemi del Togo, in particolare presso il confine con il Benin.
  • il reddito annuo pro-capite è pari a 270 dollari americani.
  • il 25% delle persone vive con meno di un dollaro al giorno.