“Dalla Terra alla Luna con ritorno” – di Giuseppe Palumbo

Presentiamo oggi il libro “Dalla Terra alla Luna con ritorno” di Giuseppe Palumbo, ed. TraccePerLaMeta (2014), e lo facciamo pubblicando, di seguito, l’Introduzione e la Prefazione dell’Autore. 

copertina_Dalla_Terra_alla_Luna_con_ritorno

INTRODUZIONE

Circa 150 anni fa, nel 1865, viene pubblicato il libro “Dalla Terra alla Luna” scritto da Jules Verne (1828-1905), in cui lo scrittore francese immagina che tre uomini, a bordo di un “proiettile”, vengono letteralmente “sparati” dalla Florida verso la Luna, la raggiungono e vi orbitano intorno.

Cinque anni dopo, nel 1870, viene pubblicato un nuovo romanzo di Verne che è il seguito di “Dalla Terra alla Luna”, intitolato “Intorno alla Luna”. I due romanzi sono fantascientifici ed anche se non è la prima volta che l’uomo immagina di raggiungere la Luna, è con Jules Verne che, però, per la prima volta, l’idea di andare verso la Luna e di raggiungerla appare concretamente realizzabile.

Nel dicembre 1968 con la missione “Apollo 8” tre uomini “sparati” dalla Florida raggiungono realmente la Luna e vi orbitano intorno; nella Storia dell’Umanità, per la prima volta, degli esseri umani orbitano intorno ad un altro corpo celeste; ciò che aveva immaginato Verne non è più fantascienza, ma è realtà, è cronaca, è storia.

Nel luglio 1969 con la missione “Apollo 11” due astronauti americani camminano realmente sulla Luna, mentre un terzo astronauta, da solo, orbita intorno alla Luna; nella Storia dell’Umanità, per la prima volta, degli esseri umani mettono piede su un altro corpo celeste.

Giungere sulla Luna era un Sogno per l’Umanità. E una volta realizzato questo Sogno Proibito, questa Missione Impossibile, cambia la mentalità dell’Uomo, poiché da allora tutto viene ritenuto possibile.

Se siamo andati sulla Luna ogni Sogno, ogni Traguardo è realizzabile. “Siamo andati sulla Luna e non riusciamo a…?” è la frase ricorrente quando non si riesce a raggiungere un qualsiasi obiettivo.

Per raggiungere la Luna il cammino non è stato facile. In questo libro cercheremo di raccontare brevemente, attraverso la storia delle principali missioni spaziali, i successi e le tragedie, gli aneddoti e le curiosità, le varie tappe ed i passi compiuti dall’Uomo per raggiungere, lo spazio e la Luna … e, poi, tornare indietro sani e salvi. Già … tornare indietro sani e salvi sulla Terra. E tornare indietro sani e salvi era la parte più complicata del Sogno. L’ultima volta che l’Uomo è andato sulla Luna è stato nel dicembre 1972.

Lo scopo principale del libro è inquadrare storicamente le missioni spaziali umane dalle origini all’uomo sulla Luna; in realtà ogni missione spaziale indicata meriterebbe almeno un libro. Alla fine dell’opera viene suggerita una breve “bibliografia essenziale” utile per approfondire meglio e nel dettaglio i vari aspetti, soprattutto umani, relativi all’entusiasmante storia della realizzazione dei due grandi Sogni dell’Uomo: raggiungere lo spazio e camminare sulla Luna.

Trattandosi di una breve storia delle missioni spaziali mi preme sottolineare che alcuni protagonisti della conquista dello spazio e della Luna, quali, ad esempio, Werner von Braun (1912-1977), Rocco Petrone (1926-2006), Sergej P. Korolëv (1907-1966), Konstantin E. Tsiolkovskij (1857-1935), Robert Goddard (1882-1945), Hermann Oberth (1894-1989), sono appena citati o non risultano proprio essere indicati; stessa cosa vale anche per i dati tecnici relativi ai razzi e alle navicelle, o per i dati astronomici riferiti alla Luna; tutti questi dati non sono presenti. Chi volesse approfondire questi personaggi e conoscere bene i dati tecnici o astronomici può utilizzare le opere indicate sempre nella “bibliografia essenziale”.

Alla narrazione delle vicende delle varie missioni e dei vari protagonisti, sono state aggiunte alcune informazioni cinematografiche relative a quei pochi film che si sono egregiamente occupati di alcune delle vicende narrate.

Alcune immagini del libro riguardano l’astrofilatelia; la filatelia in tutto il mondo ha mostrato un grande interesse sulla storia dell’astronautica ed è sterminata la quantità di francobolli dedicata alle missioni spaziali.

Questo libro ha come fine quello di tener viva la memoria di quei fatti che hanno procurato profonde emozioni vissute dagli attori protagonisti, dai non protagonisti ma anche dai semplici spettatori, in altre parole dall’Uomo, nella straordinaria avventura iniziata per raggiungere lo spazio… la Luna… e, poi, proseguita con la speranza di “esplorare strani, nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita e di nuove civiltà, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima…” Buona lettura.

Giuseppe Palumbo

VerneJules Verne

PREFAZIONE dell’AUTORE

Negli anni scorsi sono stati celebrati i cinquant’anni del lancio del primo satellite artificiale nello spazio, del primo essere vivente nello spazio, del primo uomo nello spazio, della prima donna nello spazio e così via; per quanto riguarda il primo uomo sulla Luna sono trascorsi già quarantacinque anni. Man mano che passa il tempo il numero dei protagonisti di quelle storiche imprese diminuisce come pure diminuisce il numero dei non protagonisti e dei semplici spettatori di quelle medesime imprese.

Arriverà anche il giorno in cui non ci sarà più nessuno dei protagonisti, dei non protagonisti e degli spettatori che hanno vissuto emozioni uniche ed indimenticabili durante la “gara spaziale” e “la corsa verso la Luna”; non solo, ma arriverà anche il giorno in cui non ci saranno più neanche coloro che hanno conosciuto quei protagonisti, quei non protagonisti o quei semplici spettatori; quando arriverà quest’ultimo giorno saranno scomparsi tutti i protagonisti, i non protagonisti e gli spettatori di quelle vicende e tutti coloro che li hanno conosciuti; in altre parole quel giorno non ci saranno più i testimoni di quegli anni e coloro che li hanno conosciuti; ci saranno solo persone che hanno sentito dire, che hanno letto, che hanno visto immagini registrate. Nessuno potrà più dire “mi ricordo” oppure “ho conosciuto”, “ho parlato con”, “mi ha detto che”…

È il tempo che passa inesorabilmente … è la Storia che avanza con nuove persone… nuove vicende… nuovi Sogni. Questa opera è un invito ad approfondire la straordinaria storia che ha portato l’uomo sulla Luna; inoltre, non è un punto d’arrivo per il lettore, ma è un punto di partenza… una pista di lancio… verso lo Spazio… il Cosmo… l’Universo.

Varese, 12 novembre 2014
(storico giorno in cui il lander “Philae” della sonda “Rosetta” è atterrato sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko)

jules-verne-dalla-terra-alla-luna