Donatello Poggi lascia la politica – Oggi la sua lettera d’addio

Poggi 11Onde evitare confusioni e “dicerie interessate”, ribadisco che la mia attività politica si è conclusa il 24 aprile scorso. Il Fronte degli Indignati non ha raggiunto l’obiettivo di entrare in Parlamento e, malgrado la mia votazione personale sia stata senz’altro positiva (poco meno di 7’000 voti personali), la delusione è stata grande. Ritengo che anche Orlando De Maria, alla sua prima esperienza politica, abbia fatto un buon risultato personale, ma ciò purtroppo non è bastato. Chi si è recato alle urne ha fatto le proprie scelte e le rispetto, anche se posso non condividerle.

Per questo motivo e considerato anche che i miei prossimi saranno 60 anni, ribadisco in modo definitivo che dal 24 aprile scorso io non faccio più parte di nessun movimento politico. Si può fare politica anche in altri modi. In tutti questi anni penso di avere dato abbastanza alla politica comunale e cantonale, per cui chi… prego si accomodi!

Mi recherò alle urne unicamente quando riterrò utile farlo e lo farò sicuramente in occasione delle prossime elezioni nazionali. A Berna non manderò di certo gente che, in modo subdolo, ci sta “vendendo” ogni giorno che passa.

Donatello Poggi
Cittadino svizzero e libero