Il LAC e le mie (dis)avventure con tio.ch – di Desio Rivera

LAC BxIl mio cortese corrispondente si preoccupa: “Ticinolive può pubblicare questo testo o è troppo di sinistra?” Su questo punto lo tranquillizziamo: può. Per quanto riguarda i suoi problemi con la Regione, tuttavia, non possiamo in alcun modo aiutarlo. Perché è, se il professor De Maria conosce personalmente alcuni capi tribù della Papuasia e un consistente numero di costruttori di iglù della Groenlandia, egli non non ha purtroppo alcun aggancio al foglio radico-socialista.

Un ricordo divertente riguardo a tio.ch ce l’ha. Esso risale al febbraio 2012 quando il celebre blogger Jack the Ripper – che non faceva del male a nessuno e non era più analfabeta di certi minus habentes che frequentavano il quartiere – fu cacciato con disonore dal signor Gaggini. 

Quanto al LAC, approfitto dell’occasione per esplicitare la linea di Ticinolive, che qualificherei di “populismo acculturato”.

— Il portale è populista, rozzo e cafone, e vuole la caduta della “donna del baratro” (in barba ai molti opportunisti imbroglioni che fingono di rinnegarla mentre, da autentici svergognati, si apprestano a ri-votarla).

— Ma – benché populista – il portale è favorevole al LAC e spera vivamente che esso consegua un brillante successo, per il bene di Lugano e di tutto il Cantone.

* * *

LAC 2 McCallUn caso di ordinaria censura?… sono perplesso e non posso credere a ciò che vedo, o meglio, non vedo! Leggo su Tio.ch una notizia riguardante i giochetti di potere al LAC di Lugano: “La Lega lascia un posto all’Udc…. per il LAC” – Galeazzi subentrerà a un leghista nella commissione speciale del LAC – (articolo di mabo), pubblicata su Tio.ch il 28.9.2015.

Desio-RAllora, sotto, la notizia, in basso, vedo che c’è, nell’apposito spazio blog, un commento “da bar” sulla facciata che “fa schifo” e sono stimolato a commentare anche io (c’è il Tioblog apposta per quello, io ho da tempo il nick e mi piace scrivere).

Il giorno dopo, il 29 mattina, riapro il sito e guardo se vi sono commenti ulteriori. Brutta sorpresa: eliminati tutti i commenti! Notizia e basta. Oggi, 30 settembre, riapro il blog e riappaiono i commenti, sono 3. Il mio non c’è. Sarà un problema informatico? Io il 2 ottobre cerco di rimandarlo ma è troppo tardi, la notizia non è più visibile. “Sommersa” e sostituita da tante altre che questo sito pubblica incessantemente.

Ma questa non è una polemica, può darsi benissimo che il “server” abbia avuto problemi, mi capita spesso di scrivere in piena notte e, da quanto ho capito, lo chiudono nelle ore notturne e non accetta nuovi blog. Quindi niente… Solo per raccontarvi stati di animo di un accanito lettore e “blogger”.

Qui sotto vi ripropongo quanto avevo tentato di pubblicare sul blog del sito Tio.ch:

“Un’atmosfera da grande metropoli. Questo si respira nel piazzale di fronte al nuovo centro culturale, purtroppo non coperto. Una vela di Renzo Piano (o valido allievo) costerebbe troppo? Ma no! I costi si coprono velocemente. Ci saranno migliaia di persone in fila che vorranno vedere e pagheranno per questo, compreso gelato carissimo in Piazza Riforma e panino altrettanto caro, questo per le sinergie che piaceranno a Ticino-Turismo. E per non parlare del caffè a fr. 4.50 nel bar all’interno del Lac… ma lì, credo, incassi un privato che ha preso in gestione dal comune. Avrà senz’altro qualche merito se la concessione l’ha avuta lui…ma non penso che sia per i prezzi “concorrenziali”.

Arte e Cultura sono diventate una fonte di redditi consistenti. La gente paga volentieri per arricchirsi lo spirito. Altro che i tempi dell’obolo alla chiesa. Ora luccicanti soldoni per spettacoli e mostre scelte meravigliosamente. Grazie signor Rifici per il godimento teatrale che ha composto per noi ticinesi e dintorni, lombardi e anche più in là e in su, oltre Alpe (si, vengono anche dalla Svizzera Interna e dalla Germania, li ho visti! E pure gli arabi ricchi – senza Burka – come vuole la legge!).

Non ascoltate gli “incompetenti”, anche se fanno politica… L’architetto Ivano Gianola ha fatto un lavoro interessante. E ha pure (ed è rarissimo tra gli architetti) tenuto in alta considerazione l’acustica. Una bellezza quella sala “perfetta” anche per questo. E che rivestimento di legno: lussuosissimo.. Ma non incute timore, la cultura è (anche) popolare. Un encomio per l’entrata a fr. 30.- per la prova generale della Nona di Beethoven della magistrale OSI (orchestra della svizzera italiana): un Inno Patrio da brivido apriva lo spettacolo.

Il palazzo accanto, con facciata salvata, è un vero capolavoro, andate a vederlo, girate intorno, dietro, il porticato…tutto magnifico. E’ vero che la facciata in marmo del LAC ha avuto un parto tormentato…e si vede. Ma anche le montagne intorno non sono poi così uniformi nei loro colori. E allora, va bene! Conta moltissimo il contenuto. Il contenitore si migliorerà…se UDC e Lega non si “elevano” ai soliti “nemici della cultura”… Ma di che hanno paura? Ci sono bei corsi universitari per adulti qui in Ticino (si, sono in italiano, non in dialetto. Ma si può capire). Non è mai troppo tardi. Frequentateli anche voi, l’intelligenza si acuisce con lo studio, non con le polemiche urlate come avete la (brutta) abitudine di fare. E’ vero che il ticinese (molto) medio(cre) è sensibile alle parole urlate, anche senza significato, come le vostre.

Ne è prova il clamoroso risultato delle elezioni passate. Ma le “parolacce” non fanno né cultura, né progresso, né politica costruttiva. Il futuro non è lì. E ve ne accorgerete presto, vedrete. Non siamo mica scemi…! Su, piantatela con coca e affini (dal merlot in là..) e studiate, cari (alcuni/troppi?) politici leghisti/udc & Co. Può darsi che, dopo, qualcosa di buono lo dite anche voi. Attendo che passiate gli esami, a pieni voti… Quei voti che vorreste ma che cominciate a vedere sgretolarsi….mi pare di prevedere (ma forse mi sbaglio).

Bè finché voi, la nostra sinistra e i nostri liberali e PPD e Verdi e … (scusate se ho dimenticato qualche partito minore o maggiore di queste “stanze governative”), siete quelli che siete, andiamo male per la visione di una politica con la P maiuscola. Ma ci sono, qui e là, veri (rarissimi) Uomini Politici che si stanno muovendo molto bene. E avranno molto seguito. Non c’è fretta, il cadavere dei leghisti/udc e altri politici incompetenti degli altri partiti, ci passerà accanto galleggiando sul fiume, come si dice da Confucio in poi.. Basta attendere!”

Desio Rivera