“Io voterò un bel NO. Convinto” – Greta Gysin ribatte ai 60 parlamentari

 

Gotthard-Strassentunnel_Nord-Süd-8915

60 GRAN CONSIGLIERI ALL’ATTACCO

Più ci si avvicina alla data della votazione sul progetto di risanamento della galleria stradale del San Gottardo e più gli avversari, forse incattiviti dai sondaggi d’opinione ad essi sfavorevoli, fanno di tutto per denigrarlo. Con crescente fanatismo, attribuiscono infatti a questo progetto tutti i malefici possibili e immaginabili, rincarando poi la dose con innumerevoli, quanto deplorevoli e squalificanti (per essi!) processi alle intenzioni.

Pur consci del fatto che ben difficilmente si potrà far cambiare opinione a chi è stato a lungo esposto al bombardamento del fanatismo anti-gottardista, i sottoscritti deputati al Gran Consiglio invitano le cittadine e i cittadini del Cantone a riflettere su alcuni dati di fatto incontrovertibili:

1. il risanamento è indispensabile, già per evidenti motivi di sicurezza, nonché per le ragioni tecniche che i responsabili della struttura hanno più volte evidenziato
2. la chiusura del collegamento stradale con il resto della Svizzera per la durata di anni (quanti, non si sa!) sarebbe estremamente penalizzante per tutta l’economia cantonale, tanto dal punto di vista industriale quanto da quello turistico
3. coloro che si oppongono al risanamento non hanno ancora fornito valide e funzionali alternative, nascondendosi dietro argomentazioni ad effetto sul traffico intenso in determinate regioni del Cantone, le cui cause principali non hanno nulla a che vedere con il Gottardo
4. la storiella che l’”AlpTransit” di prossima inaugurazione permetterebbe di risolvere tutti i problemi non è credibile, poiché la linea di base non è affatto stata concepita come via di collegamento unica fra il nord e il sud delle Alpi
5. per le regioni situate a nord della futura “stazione Ticino” – di ubicazione ancora ignota! – la chiusura del Gottardo significherebbe lo strangolamento economico
6. la realizzazione della stazione di trasbordo sui treni navetta a Biasca, oltre a farsi beffe del principio costituzionale del trasporto su rotaia da confine a confine, devasterebbe enormemente una regione già lacerata dal tanto “ecologico” AlpTransit
7. in ogni caso, nessuno sa dire fin dove arriverebbero le colonne dei TIR, in caso di problemi al carico sui treni-navetta.

Più preoccupante ancora, dal punto di vista politico, è il “segnale” che un eventuale no ticinese darebbe, con palese incoscienza, al resto della Confederazione, ovvero la volontà di voltare le spalle alla Svizzera e alla coesione nazionale. Per evitare queste nefaste conseguenze, invitiamo quindi le cittadine e i cittadini ticinesi a votare, il prossimo 28 febbraio, un convinto “sì”.

Inviato dall’on. Franco Celio e sottoscritto da 60 deputati PLR, Lega, PPD, la Destra e Montagna Viva

* * *

Gysin-b-2GRETA GYSIN CONTROBATTE PUNTO SU PUNTO

(da Facebook)  Breve analisi punto per punto degli argomenti di 60 deputati per il raddoppio, basandomi solo su studi e prese di posizione della Confederazione:

1- Non del tutto vero – la galleria è in uno stato molto migliore di quanto non si credesse, fino al 2035 può essere transitata con lavori minimi, senza chiusura e con costi contenuti (http://www.astra.admin.ch/…/nationalstras…/07073/index.html…–);

2- Falso – un’analisi giunge alla conclusione che “le ripercussioni positive che si avranno nel settore edile supereranno nel complesso gli effetti negativi sul turismo e sulle imprese di trasporto” (http://www.astra.admin.ch/dokumentation/00109/00113/00491/…);

gysin-greta3- Falso – la chiusura serve solo per il rifacimento della soletta intermedia, che però non è messa così male (cfr. punto 1): l’alternativa migliore sarebbe rinunciare a quest’opera che spiana la strada ai gigaliner da 60t. Se si volesse comunque rifare la soletta, le alternative ci sono e le indica lo stesso consiglio federale (“attuabili, attrattive, economiche”) (http://www.astra.admin.ch/dokumen…/…/00113/00491/index.html…);

4- Vero – infatti Alptransit non sarà mai, nemmeno con un’eventuale chiusura per risanamento del Gottardo, l’unica via per raggiungere il nord: ci sono diverse valide alternative su strada e su rotaia.

5- Falso – cfr. punto 2. Tra l’altro le eventuali stazioni di trasbordo porteranno in valle posti di lavoro;

6- Falso – per il semplice fatto che si dimentica la decisione del parlamento del 2013 di realizzare il corridoio di 4 metri lungo tutta l’asse nord-sud. Le merci in transito potranno essere caricate da confine a confine. Biasca servirà solo per i transiti interni e quelli import/export (http://www.bav.admin.ch/4mK/index.html?lang=it);

7- Vero – come è vero che non si sanno tante altre cose: quanti TIR sceglieranno la via del Gottardo anziché quella del Brennero perché più breve, quanto verranno aperte le quattro corsie.

Conclusione: non mi avete convinto, anche perché vedendo le molte imprecisioni della presa di posizione mi sorge il dubbio che non conosciate il dossier. Voterò NO con convinzione!

Gysin-2x