2500 per tutti : adesione unanime ed entusiastica dei Verdi

Ticinolive considera questa idea una perfetta follia. Ma, naturalmente, pubblica senza batter ciglio. Per di più il sondaggio Demoscope… potrebbe essere un bidone pazzesco!

RedditoMercoledì 13 aprile il Comitato Cantonale dei Verdi del Ticino ha preso posizione, unanimemente con un solo voto d’astensione, dando l’appoggio all’iniziativa sul Reddito di base incondizionato (RBI) in votazione il prossimo 5 giugno.

In sintesi, il comitato ritiene che l’iniziativa pone le premesse e dà l’opportunità per risolvere una moltitudine di problemi legati ai grossi cambiamenti che stanno mettendo sotto pressione il mondo del lavoro, l’economia, la socialità, la salute, il finanziamento dell’AVS e altre assicurazioni; il tutto garantendo una migliore ridistribuzione della ricchezza prodotta a livello nazionale. Il Comitato cantonale dei Verdi ritiene poco lungimiranti e un tantino demagogiche le esternazioni del Ministro Berset su questa iniziativa. In particolare si contesta al Ministro socialista che con un RBI (il cui l’importo sarà deciso da Governo e Parlamento) più nessuno lavori o ci sarebbe una catastrofe economica. Infatti il sondaggio Demoscope di gennaio 2016 dice che solo il 2% della popolazione intervistata resterebbe a casa; il dato interessante che emerge è che più del 50% degli intervistati inizierebbe una formazione professionale, la terminerebbe o si riqualificherebbe. Tutto ciò, a nostro parere, andrebbe a chiaro vantaggio, e non a scapito, dell’economia e della socialità; inoltre ben il 20% degli intervistati si è dichiarato disposto a creare il proprio lavoro o azienda. Si tratta di un aspetto molto importante: le micro aziende sono quelle che mantengono più posti di lavoro (anche in zone delocalizzate, dunque a vantaggio delle regioni rurali o discoste).

Un RBI risponde ad esempio all’insicuro e contestato (perché insopportabile) attuale finanziamento dell’AVS. Questo finanziamento si appoggia unicamente sul modello economico illusorio della crescita infinita; per essere sostenuto, si deve far sempre più capo all’immigrazione. In ultima analisi il finanziamento del RBI è possibile senza dover aumentare le imposte, l’IVA o altre tasse; basta basarlo su una migliore ripartizione o ridistribuzione della ricchezza esistente e prodotta dal lavoro e dai capitali. Un RBI per tutti permetterebbe di superare molte costrizioni negative di vita, liberando energia positiva per il futuro delle famiglie e della società tutta.

Il Comitato dei Verdi invita la popolazione e i politici a partecipare alle serate informative sul RBI che si terranno a:

  • Mendrisio, sala del Consiglio comunale, giovedì 21 aprile
  • Locarno, sala del Consiglio comunale, giovedì 28 aprile
  • Lugano, aula magna del Centro La Piazzetta, mercoledì 18 maggio
  • Bellinzona, aula magna della Scuola cantonale di commercio, lunedì 23 maggio

Tutti i dibattiti cominceranno alle 20.00.

Oppure a visitare il sito www.tirbi.ch

Per il comitato Cantonale dei Verdi, Pierluigi Zanchi