Un’angosciosa estate nella morsa del terrorismo – “Consegno gelati”

A domanda risponde

Oggi affido il pensiero del giorno… a me stesso (pubblicato nel Mattino)

* * *

Consegno gelatiDomanda. Dopo i recenti attentati ad opera di integralisti musulmani, vista la minaccia della diffusione del radicalismo, sarebbe favorevole a misure mirate alla sorveglianza dei luoghi di culto islamici, come un divieto di finanziamenti esteri per le moschee? O reputa che si tratterebbe di discriminazione inaccettabile?

Jack Credito 2xRisposta. Secondo me si trat­terebbe di una di­scriminazione (perché lo è) accet­tabile. Una discrimi­nazione addirittura necessaria, visto che il livello di pericolo è così alto. Certo, per prendere de­terminati provvedimenti – in uno stato di diritto – bisogna avere le prove. Di che cosa? Del fatto che, in certe moschee, si fomenti e si predi­chi l’islam radicale, parola pudica per significare “terrorista”. Se queste prove ci sono, allora bisogna agire.

Io, lo confesso, sono pessimista. Sono convinto che il nostro Vecchio Mondo abbia perso la volontà di di­fendersi. Stretto tra un buonismo la­gnoso e demente e una velleitaria incapacità di conservare antichi pri­vilegi, esso cadrà sotto la ferocia di un camion fatto impazzire o di cento bombe; oppure, semplicemente, sotto un’invasione inarrestabile che ne trasformerà da cima a fondo la so­cietà.