Il nome non è scritto però si capisce

Scrive Sergio Morisoli nel Corriere odierno :

Morisoli 2“Il PLR si trova a dover cercare un nuovo presidente. Ha una chance enorme e unica per lui e forse anche per noi, per cambiare il gioco e magari la sua storia. A seconda di chi sceglierà potrà trovare qualcuno con muscoli d’acciaio per ributtarsi nella mischia e rivincere nella spartizione clientelare dei mezzi statali; oppure trovare qualcuno che ha cervello, coraggio ed attributi per staccarsi da questa assurda corsa e iniziare a rilanciare il Paese. Non dall’alto, ma con fatica e umiltà dal basso; dalla rinascita di un partito nuovo come forma aggregativa e espressiva della società civile che è mutata radicalmente, e che vuole relativizzare il ruolo e il potere ultimo della politica. Potrebbe essere qualcuno che questo metodo e lavoro di ricentramento l’ha promesso oltre 20 anni fa, e in parte l’ha realizzato con successo in 12 anni di Governo; qualcuno che non è vecchio né giovane e che dopo 10 anni, in molti cominciano e sentirne non solo nostalgicamente ma operativamente la mancanza, ma non osano dirlo al partito e al Paese. E forse nemmeno a quella persona.”