Il Carnevale di Ivrea: non solo battaglia delle arance – di Cristina T. Chiochia

Per tutto il mese di Febbraio, accompagneremo i lettori attraverso i più bei carnevali italiani per offrire, chissà, qualche spunto per un sano divertimento nella vicina Italia, scrigno di bellezza e cultura. Per il primo appuntamento si parlerà del celebre Carnevale Tradizionale di Ivrea che rievoca ogni anno (quest’anno in modo particolare dal 25 al 28 Febbraio 2016)  con molti eventi però in cartellone già da venerdi’ 6 Febbraio e un ciclo di appuntamenti ed eventi collaterali che culminerà nella rappresentazione storica della celebre “Battaglia delle Arance”. Lungo l’asse Milano-Magenta-Vercelli, la graziosa città piemontese di Ivrea dà il benvenuto ai suoi visitatori con i protagonisti del celebre Carnevale: La Mugnaia e il Generale, le bande di suonatori, le rievocazioni dando vita come culmine delle celebrazioni alla battaglia delle arance.

Per la Mugnaia non si parla di una vera e propria maschera di Carnevale ma di un personaggio; divenuta nel tempo la “beneamina” della rievocazione, è la Mugnaia . Non si dimentichi infatti che quello di Ivrea è un Carnevale Storico e quindi tratta di libertà e di eroismi al fine di liberare un popolo dalla tirannia, in questo caso, del Feudatario. La leggenda narra di Violetta che era appunto sposa fedele ed ebbe il coraggio di ribellarsi alle attenzioni del Tiranno feudale. Di ambientazione medioevale quindi, la leggenda dei mugnai accompagna la spettacolare battaglia cittadina delle arance che rievoca il tempo in cui, nei vari rioni, la discordia e la rivalità portarono a una vera e propria battaglia. Interessante anche la storia del personaggio ottocentesco del Generale e del Gran Cancelliere di tradizione giacobina e repubblicana che custodiscono i libri della memoria di oltre due secoli di storia popolare con la trascrizione di tutto quello che durante i giorni di Carnevale gestisce l’ufficialità del Carnevale: rivivendo in questo modo tutti i momenti storici. Inoltre il Generale guida l’intera cittadinanza  in parate ed eventi: al suono di pifferi e tamburi durante il martedi’ grasso, ecco la “Marcia funebre” ed è proprio lui che pronuncia la frase “Arvedse a giobia a n bot” ovvero: ci vediamo di nuovo giovedì all’una dell’anno successivo.

La passione intramontabile del Carnevale di Ivrea quindi, crea emozioni per viverle insieme. Vive di emozioni anche  la celebre e rinomata battaglia delle Arance. Gia’ da questo week-end un calendario fitto di appuntamenti tra cui la distribuzione dei fagioli grassi presso le “fagiolate” (che avranno la visita del Generale e di tutto lo Stato Maggiore) ed a seguire i percorsi del “Giro del Carnevale”per i bambini con lezioni di Battaglia sui carri “da getto” con vere e proprie lezioni per diventare un vero “Arancere”. Tanti i percorsi a tema nei luoghi del Carnevale, con partenza dalla Mostra Permanente in centro città tra storie e rituali aperti a tutti . Sempre domenica 12 Febbraio è prevista l’antica cerimonia militare dela consegna della bandiera all’Alfiere di Stato Maggiore che si svolge all’inizio di ogni campagna e la distribuzione dei piatti tipici: polenta e merluzzo della Croazia e il banchetto inaugurale del Generale e dello Stato Maggiore. Imperdibile. Buon Carnevale a tutti!

Cristina T. Chiochia