Lutto nel mondo dell’arte ticinese: si è spento Nag Arnoldi

Opera di Nag Arnoldi e chiesa di Comano

Si è spento all’età di 88 anni lo scultore ticinese più conosciuto al mondo: Nag Arnoldi, nato a Locarno il 18 settembre del 1928. Si è formato artisticamente presso diversi atelier luganesi e iniziò la sua carriera, con esposizioni di alcuni suoi quadri, a livello svizzero.Incontra la scultura nel 1960 quando si reca in Messico e viene a contatto con l’arte indigena delle civiltà precolombiane; dagli anni ’70 in poi la scultura diventerà oggetto principale della sua attività artistica.

Tre Cavalli. Vaduz, Liechtenstein

Nonostante fosse residente a Comano dal 1971, i suoi numerosi impegni l’hanno spesso portato in giro per il mondo: Venezia, Città del Messico, New York, Sidney e molte altre città dove l’artista ha fatto conoscere ed apprezzare il proprio talento. Uno dei tanti posti dove si possono ammirare le sue opere è il capoluogo dell’isola di Minorca, Mahon, dove la famosa statua di bronzo “Tre Cavalli” è stata posata il 20 luglio del 2016 grazie alla donazione dell’artista stesso. In proposito, Nag Arnoldi aveva dichiarato: “da vent’anni con mia moglie veniamo a Minorca dove siamo bene accolti e circondati da amici. Per me donare l’opera è come ripagare un debito per tutto quanto quest’isola ci ha dato”.

In Ticino le sue opere si possono ammirare al Museo Cantonale d’Arte di Lugano, tra queste troviamo Cavallo (1956, pastello a cera ‘graffito’ su carta da blocco a quadretti) , Natura morta (1956, pastello a cera ‘graffito’ su cartone) , Cavalli (1982, serigrafia a 3 colori su carta) e Palude (1971, bronzo). Oltre a queste opere troviamo la famosa via Crucis a Comano e il gruppo scultoreo “La Visita” che si può ammirare di fronte all’ospedale Carità di Locarno.