Il referendum dei Cantoni fucilato già a Bellinzona

La proposta del PPD di sostenere una domanda di referendum dei cantoni, al fine di sottoporre al voto popolare la legge di applicazione dell’articolo costituzionale 121a (il cosiddetto “9 febbraio”) è stato bocciata oggi dal Gran Consiglio con 44 no, 24 sì e una astensione. 

* * * 

La sorte di questo bizzarro tentativo – che comprendeva anche l’invito a firmare il referendum di Stojanovic – era segnata sin dal primo giorno. La posizione del PPD è politicamente e logicamente insostenibile. Biasima il “tradimento della volontà popolare” dopo avervi partecipato – con l’astensione – in modo decisivo. La “gente” (di cui il PPD si fa paladino) non si lascia abbindolare così facilmente! E, a quanto pare, … neppure i deputati.