Bello Figo, un caso di Stato che fa tremare il Ticino