Onde gravitazionali. La scoperta del secolo – Autore: Christian Corda

Un’interessante opera di divulgazione scientifica (PM edizioni)

L’annuncio fatto dalla Collaborazione statunitense LIGO (una collaborazione scientifica di oltre mille persone che rivela le onde gravitazionali tramite interferometri laser) e, in contemporanea, da quella europea Virgo l’11 febbraio 2016, riguardante la prima, storica rivelazione delle onde gravitazionali, teoricamente predette da Albert Einstein nella sua celeberrima teoria della relatività generale esattamente un secolo prima, è stato sicuramente una pietra miliare nella storia della scienza moderna, in quanto riguarda quella che, probabilmente e sinora, è risultata essere la più importante scoperta scientifica del XXI secolo.

In questo libro, di natura prettamente divulgativa, dove si è tentato di rendere accessibili a tutti dei concetti scientifici che possono risultare alquanto indigesti e complicati per il grande pubblico, si parte da una analisi della teoria della relatività generale per passare ad un excursus storico sulle onde gravitazionali, iniziando proprio dalla previsione iniziale di Einstein che generò un’interessante, ed a tratti divertente, controversia, sino alla storia dei progetti LIGO e Virgo, attraverso vari aneddoti ed i vari tentativi di rivelare le onde gravitazionali. In seguito si discute l’importanza delle onde gravitazionali e la loro strategia di rivelazione, che si è rivelata essere un percorso lungo ed impervio verso un obiettivo difficilissimo e quasi impossibile da raggiungere. Si passa poi a discutere la prima storica rivelazione delle onde gravitazionali da parte della Collaborazione LIGO, per terminare con una analisi delle prospettive future della nascente astronomia gravitazionale che si spera sia in grado di dare un contributo fondamentale ad una nostra migliore conoscenza e comprensione dell’Universo in cui viviamo.

Nell’opera sono presenti anche vari episodi ed aneddoti relativi alla storia della fisica del XX e del XXI secolo in generale, per inserire la storia della ricerca delle onde gravitazionali in un quadro più generale che si spera possa, se non appassionare, almeno sollevare la curiosità del lettore.