Signora Kandemir Bordoli: parlare d’altro no eh? – di Donatello Poggi

Evidentemente l’acume politico non è da tutti (senza offesa) e si vede, ma che la vicepresidente del Gran Consiglio se ne esca tranquillamente a dire che la “questione Mattei-Caverzasio” deve essere portata davanti all’ufficio presidenziale del “nostro” Parlamento è quasi scandaloso.

Ma come signora Kandemir Bordoli, sono queste le priorità del “nostro” Cantone sempre più alla deriva?

E poi, già che ci siamo, come mai non l’è venuto in mente di portare davanti all’ufficio presidenziale del Parlamento la questione della deputata PS, signora Bosia Mirra (ben più grave se la Legge è Legge) e attorno alla quale leggiamo settimanalmente e stucchevolmente articoli a senso unico nel tentativo di ….?

Signora, in Ticino abbiamo i grossi problemi della disoccupazione, dell’assistenza, del continuo aumento del tasso di povertà (“il caffè” del 3/9 2017), della criminalità organizzata che sembra essere ovunque, dei falsi rifugiati politici che ci costano parecchio, delle famiglie sempre più in evidenti difficoltà, di salari al ribasso, di condizioni di lavoro sempre più precarie, di ….

Vogliamo/volete parlare e cercare di trovare delle soluzioni a queste VERE problematiche signora Kandemir Bordoli?
Ma forse lei non è toccata direttamente da tutto ciò e allora posso anche capire …
Ma il Partito Socialista in Ticino parla soltanto di scuola per non parlare d’altro? Ah, capisco …

Donatello Poggi, Giornico

già deputato in Gran Consiglio