Uno studio rivela: circa il 60% degli svizzeri è favorevole a “No Billag”.

Un campione di 1010 svizzeri ha anticipato quello che potrebbe essere il futuro risultato del voto sull’iniziativa “No Billag”. Lo studio condotto da marketagen.com è stato diffuso oggi da Le Matin Dimanche e rivela come il 57% dei partecipanti al sondaggio sarebbero pronti a votare sì per l’iniziativa che intende abolire il canone radio-tv.  Per contro, il 34% si oppone all’iniziativa mentre il 9% si dichiara indeciso.

Tuttavia la qualità dei programmi della SSR non sembra essere messa in questione, infatti il 55% degli intervistati sono parzialmente o totalmente soddisfatti delle produzioni messe in onda. I risultati del sondaggio dunque non sono da interpretarsi come un voto anti-SSR, anzi, oltre il 60% del campione non crede che l’abolizione del canone porrà la parola fine alla Società svizzera di radiotelevisione e ben il 46% degli svizzeri è convinto che se l’iniziativa venisse accolta, grandi programmi nazionali e indipendenti radio-televisivi continuerebbero ad essere disponibili.

Un buon 39% invece pensa che l’accettazione di “No Billag” porterà inevitabilmente alla scomparsa di SSR. Lo studio è stato condotto online dal 17 al 27 novembre mentre la decisione definitiva sarà chiara solamente dopo la votazione del 4 marzo.