Un film fascinoso e celebre: “Medea” di Pier Paolo Pasolini. Serata-evento al Lux lunedì 12 marzo

Una bella serata culturale con due relatori d’eccezioni viene proposta dall’Associazione NEL, Fare arte nel nostro tempo per lunedì 12 marzo al cinema Lux di Massagno. Verrà proiettato il famoso film di Pasolini Medea con Maria Callas.

 

* * *

“Fare arte nel nostro tempo / Making art in our time” è un’associazione privata no-profit che opera in collaborazione con il Museo della Svizzera italiana di Lugano e altre istituzioni per promuovere incontri aperti al pubblico dei partecipanti e al pubblico più vasto dei visitatori della sua pagina web e di youtube dove si trovano le videoregistrazioni di tutte le conferenze delle edizioni passate.  www.associazione-nel.ch

* * *

Programma

MEDEA

Lunedì 12 marzo 2018 ore 18:30 – 22:30
Cinema LUX art house, Massagno

Ore 18:30 Benvenuto

Ore 18:40 Piero Boitani Passioni nella tragedia greca e il mito di Medea
Professore di Letterature Comparate all’Università “La Sapienza” di Roma e all’USI a Lugano, ha insegnato Lingua e Letteratura Italiana all’Università di Cambridge.

Ore 19:15 Estratti dal documentario “L’Isola di Medea” (2017) di Sergio Naitza, che per il quarantesimo della scomparsa di Maria Callas indaga sul rapporto artistico e umano, profondo e speciale, che la “divina” e Pasolini, due anime sensibili e fragili, svilupparono nel corso delle riprese di “Medea”.

Ore 19.40 Pausa – Aperitivo buffet nella hall del cinema LUX

Ore 20.15 Marco Müller Pasolini e il film Medea
Critico, docente di cinema e produttore, è stato direttore tra altri dei festival di Pesaro, Locarno, Venezia, Roma e Macao.

Ore 20.30 Proiezione del film “Medea” di Pier Paolo Pasolini, 1969, 110 min. V.O. con Maria Callas, Massimo Girotti, Giuseppe Gentile, Laurent Terzieff, prodotto da Franco Rossellini e Marina Cicogna. Musiche: Pasolini e Elsa Morante. Esterni girati in Cappadocia, ad Aleppo, a Pisa e a Grado. Splendide immagini e una rivisitazione del mito della tragedia di Euripide come allegoria della realtà odierna.

Ore 22.30 Discussione e chiusura

La partecipazione è gratuita ma è necessario iscriversi participate@associazione-nel.ch

L’aperitivo è a pagamento, fr. 25 (ridotto 15), annunciarsi

* * *

I RELATORI
Piero Boitani è professore ordinario di Letterature Comparate all’Università “La Sapienza” di Roma e professore all’Istituto di Studi Italiani presso l’Università della Svizzera italiana a Lugano. Ha insegnato presso le Università di Cambridge, Pescara e Perugia.
Anglista, medievista, dantista, grande studioso del mito e della cultura classica, della narrazione biblica e delle sue riscritture. E’ stato Presidente dell’Associazione Italiana di Anglistica e della Società Europea di Studi inglesi (di cui è Presidente Onorario); è Fellow della British Academy, della Medieval Academy of America, della Dante Society of America; socio de Il Mulino, della Accademia Polacca di Arti e Scienze, dell’Academia Europea, dell’Accademia delle Scienze di Torino, dell’Arcadia, dell’Accademia dei Lincei e direttore Letterario della Fondazione Lorenzo Valla. Nel 2002 ha vinto il Premio Feltrinelli dell’Accademia dei Lincei per la Critica Letteraria, nel 2010 il Premio De Sanctis, nel 2016 il Premio Balzan per la Letteratura Comparata. Scrive su L’indice dei libri del mese e Il Sole 24 Ore. È autore di numerosi libri anche tradotti in inglese. I più recenti: “Dieci lezioni sui classici” (Il Mulino, 2017), “Il grande racconto di Ulisse” (Il Mulino, 2016), “Riconoscere è un dio. Scene e temi del riconoscimento nella letteratura” (Einaudi, 2014).

Marco Müller è storico, critico, docente e produttore di cinema. Autore e curatore di articoli e saggi per riviste svizzere, italiane e straniere, di volumi monografici sul cinema e di documentari televisivi. È stato direttore dei festival cinematografici di Torino “Ombre Elettriche”, Pesaro, Rotterdam, Locarno, Venezia, Roma e Macao. Ha creato e diretto tre tra le principali fondazioni europee di sostegno al cinema indipendente, la Fondazione Hubert Bals a Rotterdam, la Fondazione Montecinemaverità a Locarno e la Fondazione Cinema Sud Est a Bologna. Ha prodotto e coprodotto quattordici lungometraggi (vincendo un Oscar e molti tra i premi principali di Cannes, Venezia e Berlino) e numerosi documentari e cortometraggi. È titolare della cattedra di “Stili e tecniche del cinema” all’Accademia di Architettura dell’Università della Svizzera italiana. Ha ricevuto molteplici premi, tra cui tre premi e onorificenze in Russia, l’Arts and Culture Prize della Japan Foundation del governo giapponese, il Premio di stato per il Contributo agli Scambi Culturali del governo cinese, il Premio della Fondazione del Centenario a Lugano. Dal 2017 è Direttore del Pingyao Crouching Tiger Hidden Dragon International Film Festival, il primo festival cinese dedicato alla “politica degli autori” creato insieme a Jia Zhangke.