Benalla, si restringe il cerchio, ma il capro espiatorio diventa il ministro Collomb

Il ministro dell’Interno, fedelissimo di Macron, Gerard Collomb, non è stato in grado di rispondere ai deputati della commissione d’inchiesta che gli domandavano notizie riguardo l’anomala (e violenta) presenza del falso poliziotto 26enne Alexandre Benalla. 

“Io non lo conosco, non è sotto la mia autorità” ha risposto, imbarazzato, Collomb, sul quale si sono scatenate le polemiche persino dei deputati di En Marche!.

Il prefetto Michel Delpuech, come il ministro Collomb, avrebbe dichiarato di essere al corrente del video, uscito in rete il 2 maggio, ma effettuato il 1° maggio, nel quale si vede Benalla malmenare due giovani, indossando, pur senza esserlo, l’elmetto da poliziotto in tenuta antisommossa. Ministro e prefetto avrebbero quindi infranto il codice 40 secondo il quale vi sarebbe l’obbligo di denunciare alla magistratura comportamenti inaccettabili.

Macron, nel frattempo, ha annullato la visita sui Pirenei per il Tour de France, conscio dell’uragano in procinto di travolgerlo.