Bulgaria: il brutale omicidio della giornalista Viktoria Marinova


Il terribile omicidio della giornalista Viktoria Marinova, 30enne, conduttrice del programma d’inchiesta televisivo “Detector” della TV locale TVB della città di Rousse nella parte settentrionale della Bulgaria, ha scosso tutto il Paese per la sua brutalità.
In diverse città della Bulgaria ci sono state massicce veglie in sua memoria. Tutti i leader europei hanno espresso indignazione. È la settima giornalista vittima in Europa dall’inizio del 2017.
Forte condanna per l’omicidio è stata espressa dalla presidente della 73° sessione dell’ONU, Maria Fernanda Espinosa, che ha sottolineato l’importanza della libertà di stampa e la necessità per i giornalisti di poter assolvere i loro doveri professionali liberamente è in sicurezza
Il corpo di Viktoria è stato trovato sabato sulle rive del Danubio. Secondo le informazioni iniziali, la vittima è stata brutalmente picchiata, violentata e uccisa domenica mentre faceva jogging  accanto al fiume in un parco alla periferia della città. Sarebbe stata assalita mentre passava in un vicolo non sorvegliato dalle telecamere.
Gli investigatori al momento non escludono nessuna ipotesi. La polizia ha trovato diversi oggetti sulla scena del crimine che portano a pensare ad una rapina o ad una azione pianificata da parte di una persona per motivi personali. Ma può darsi che il movente dell’omicidio sia legato all’inchiesta che Marinova stava conducendo su uno scandalo legato all’affidamento di fondi europei con possibile corruzione di uomini d’affari e politici bulgari.
Seguendo il suo programma televisivo, il ministro dell’Interno della Bulgaria, ospite in una trasmissione, aveva rivelato che i pubblici ministeri stavano indagando su una grande impresa edile accusata di aver fatto uso improprio dei fondi dell’Unione Europea. La corruzione “endemica” in Bulgaria è un tema molto delicato.
Tuttavia, secondo il criminologo Botevo Botev, ex direttore del dipartimento omicidi del Ministero dell’Interno, l’assassino della conduttrice televisiva potrebbe essere uno stupratore seriale. Un omicidio non legato al suo lavoro o alla sua vita personale, forse uccisa da uno psicopatico che l’ha scelta in modo casuale. “Questo potrebbe essere stato un omicidio accidentale commesso da una persona con problemi mentali. Quindi è molto probabilmente un caso isolato. Non c’è preparazione o organizzazione. Tutto è accaduto abbastanza incidentalmente”, ha detto in Botev durante una trasmissione televisiva di questa mattina. “Bisogna anche dire che quell’area è estremamente famosa per i crimini. Un’area frequentata soprattutto da tossicodipendenti” , ha aggiunto Botev.
Il criminologo ritiene che soltanto un uomo con una mente squilibrata può effettuare un tale crimine e per questo ritiene che non sia collegato con la vita professionale della vittima. Dato che l’assassino ha lasciato molte tracce dietro di se è ipotizzabile che non avesse intenzione di ucciderla.
Nel frattempo un cittadino romeno con passaporto Moldavo è stato fermato oggi dalla polizia bulgara e sarà trattenuto per 24 ore perché sospettato dell’omicidio, la notizia tuttavia non  è ancora stata confermata ufficialmente dal ministero dell’Interno.
Gli inquirenti hanno assicurato comunque un’indagine rapida e approfondita per chiarire se questo vile omicidio sia collegato al suo lavoro.
Viktoria Marinova lascia una bambina di appena 6 anni.