Un Nuovo Luogo per collegare le Arti – il Mo Museum a Vilnius

Finalmente è apparsa sulla mappa dell’Europa una nuova destinazione del pellegrinaggio artistico, e Arminio Sciolli è stato tra i primi a visitarla.
La scorsa settimana è stato aperto a Vilnius, in Lituania, il MO Museum (Museum of Modern Arts). L’evento di apertura è durato non-stop per 100 ore.

Tuttavia, la Lituania celebra quest’anno il suo centenario di indipendenza.
Il nuovo MO Museum è il primo progetto culturale di Studio Libeskind in tutta la regione del Baltico (in collaborazione con la società lituana Do Architects). Coi suoi 3.100 m2, l’edificio – che è anche il più grande museo privato della Lituania – ospita circa 5.000 opere inedite di artisti lituani dalla metà del XX secolo ad oggi.

Il MO Museum, un’iniziativa personale degli scienziati e filantropi lituani Danguolė e Viktoras Butkus, che hanno iniziato ad assemblare la collezione dal 2008. Hanno invitato la professoressa Raminta Jurėnaitė e altri storici dell’arte per aiutarli a modellare sistematicamente una collezione centrale contenente opere di pittura, arte grafica, fotografia (Antanas Sutkus e altri) e video art, nonché una serie secondaria di piccole sculture e opere interdisciplinari (performance, installazioni artistiche, ecc.).

La mostra inaugurale di MO Museum “All Art Is About Us” è stata costruita attorno ai temi chiave che hanno interessato diverse generazioni di artisti lituani negli ultimi 60 anni. Allo stesso tempo rivela connessioni generali tra arte e vita, permettendo a ogni spettatore di scoprire se stesso e le proprie esperienze attraverso le opere.

Dal 18 ottobre 2018 il MO è diventato un luogo eccellente per trascorrere il tempo libero. MO invita i visitatori a partecipare a mostre, proiezioni di film, attività didattiche, concerti ed eventi adatti a tutte le età.

L’edificio del MO Modern Art Museum è stato concepito come un gateway culturale che collega il passato e il futuro. Il cortile interno attraversa l’intero edificio e presenta una scala drammatica che collega una piazza al livello della strada con una terrazza aperta sul tetto. Con una superficie totale di quasi 3.500 metri quadrati, l’edificio è molto compatto e si inserisce contestualmente all’interno della struttura urbana circostante, abbinando l’altezza delle strutture esistenti e allineando la facciata alla strada.

All’interno, la parete di vetro del magazzino consente al pubblico di vedere opere d’arte provenienti dalle collezioni del Museo che non sono attualmente esposte. La scala a chiocciola situata proprio dietro il negozio del museo e la biglietteria del biglietto è il punto focale della lobby. Questo elemento architettonico indipendente collega due gallerie open space situate al secondo e al terzo livello, che includono rispettivamente 377 e 1.099 metri quadrati di spazio espositivo. Al secondo livello, una galleria più piccola avvolge una sala di lettura, dove i visitatori sono invitati a esplorare una ricca collezione di pubblicazioni di arte, architettura e design.

Sebbene il MO Museum sia un edificio compatto, contiene tutti gli elementi necessari per gestire un’istituzione di livello mondiale, incluse aree educative, una sala multifunzionale, uffici amministrativi, un bar e un negozio del museo. Un giardino di sculture offre spazio per la ricreazione e installazioni di opere d’arte all’aperto.

Durante la pre-apertura il presidente della Lituania Dalia Grybauskaitė ha visitato il museo di recente apertura dove un architetto di fama mondiale Daniel Libeskind e il team del museo hanno avuto il piacere di incontrare Sua Eccellenza. “Il MO Museum of modern art offrirà l’opportunità ai lituani di essere orgogliosi e anche di promuovere gli artisti del Paese”, ha affermato il presidente lituano.

 

Arminio Sciolli, un collezionista d’arte e direttore della galleria LDV il Rivellino di Locarno, ha visto per la prima volta il museo esattamente sei mesi fa quando era ancora nell’impalcatura, e due mesi dopo l’ha visitato insieme al famoso artista britannico e regista Peter Greenaway. Secondo Arminio Sciolli, il nuovo museo finora attrae turisti stranieri grazie al fatto che è stato progettato dall’architetto di fama mondiale Daniel Libeskind, ma in futuro il riconoscimento internazionale può essere ottenuto solo attraverso una collaborazione attiva con altri centri e gallerie d’arte contemporanea Intorno al mondo. Alcuni degli autori i cui lavori possono essere visti in un nuovo museo in Svizzera sono già noti grazie all’evento “10 jours en Lituanie” a Locarno (Antanas Sutkus, Jurga Barilaitė, Rimvidas Jankauskas-Kampas), ma l’elenco degli autori presentati all’estero dovrebbe essere più lungo.

Molto presto verrà aperto un altro museo d’arte privato a Vilnius, che ha accumulato una collezione unica di opere legate alla Lituania (ad esempio, Jacques Lipchitz, nato e cresciuto in una famiglia Litvak in Lituania), e molte altre ancora di cui erano già stati prestati a mostre internazionali nelle sale espositive del mondo (come per la mostra Âmes sauvages al Musée d’Orse).

Arminio Sciolli continua la proficua collaborazione con la Biblioteca Nazionale Martynas Mažvydas. Durante la sua ultima visita a Vilnius, Arminio Sciolli ha presentato la libreria con l’ultima (3a) edizione del catalogo fotografico “10 Days in Locarno”. Questo catalogo offre una panoramica completa del programma di eventi culturali che è stato organizzato durante il festival di Locarno ed è stato dedicato al centenario del restauro dello stato della Lituania.

Arminio Sciolli

Arminio Sciolli ha presentato la Biblioteca Nazionale con “Russian Exodus Collection” che è stata presentata al pubblico il mese scorso e la natura unica e il valore eccezionale della collezione sono stati toccati durante la discussione tenutasi il 21 settembre e alla presenza di Tomas Venclova, poeta, professore Emerito di lingue e letterature slave all’Università di Yale e Assoc. Prof. Dr. Pavelas Lavrinecas, docente all’Università di Vilnius. Ogni volta che Arminio Sciolli visita la biblioteca, aggiunge nuove stampe a questa collezione. Questa volta ha donato le stampe pubblicate nella prima metà del 20 ° secolo da una comunità russa nella provincia di Shanghai, in Cina.

L’incontro è stato anche una buona occasione per discutere delle opportunità di ulteriore cooperazione culturale con la Biblioteca Nazionale della Lituania che commemorerà il 100 ° anniversario del prossimo anno. La prima mondiale di un nuovo documentario sul grande fotografo lituano Antanas Sutkus prodotto dal regista svizzero Misha Tognola in una delle Sale della Biblioteca con la presenza della delegazione ufficiale svizzera potrebbe essere uno degli eventi di questo programma.

Romas Jankauskas
Vilnius, 22 October 2018