Il Consiglio di Stato boccia l’Accordo quadro all’unanimità

Oggi il governo ticinese ha preso posizione sul testo di Accordo quadro con l’Unione europea, messo in consultazione dal Consiglio federale. I cinque consiglieri lo hanno respinto.

* * *

A nostro giudizio si tratta di una mossa tattica (in un certo senso “obbligata”) vista l’imminente scadenza elettorale. Nessun partito, si stima, in questo momento può permettersi un Sì, nel Ticino.

  • Noi, così, non possiamo accettarlo. Bisogna ridiscutere.
  • Ma l’UE una ridiscussione non l’accetterà.
  • E allora alla fine, “obtorto collo”, accetteremo noi (governo, camere federali)
  • La sfida decisiva si farà davanti al popolo (come in fondo è giusto). Sarà durissima; i difensori dell’indipendenza della Svizzera partono svantaggiati. Vietato disperare, però!