Florida, un Boeing 737 è atterrato fuori dalla pista invasa dall’acqua

 

Un 737-800 con 136 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio, noleggiato dall’esercito statunitense dalla compagnia aerea charter Miami Air International con registrazione N732MA, è atterrato sulla pista 10 di Jacksonville Naval Air Station in Florida venerdì 3 alle 21.42 ora locale, superando per 380 metri la fine della pista asfaltata fermandosi nelle acque poco profonde del fiume St. John, finendo parzialmente sommerso.

Tutti gli occupanti sono stati in grado di evacuare l’aereo. 22 persone sono state portate in ospedale per curare ferite lievi e soltanto uno di loro è stato rilasciato il giorno seguente. Un numero imprecisato di animali domestici trasportati nelle stive potrebbe essere deceduti.

L’Agenzia indipendente governativa NTSB, responsabile delle indagini sugli incidenti nei trasporti civili, ha aperto un’inchiesta e ha inviato una squadra di 16 investigatori sul posto. Il registratore principale di volo è stato recuperato, ma quello che registra le voci in cabina di pilotaggio che si trova sommerso nella coda dell’aereo sarà in grado di essere recuperato soltanto con il velivolo sollevato dall’acqua per fare attenzione nel preservare le prove altrimenti deperibili.

Il volo era proveniente dalla base navale militare di Guantanamo Bay e fa parte di un servizio di andata e ritorno bisettimanale tra il continente americano e Cuba dedicato al personale militare in servizio alla base Joint Task Force Guantanamo e ai loro famigliari.

L’aereo, atterrato durante un forte temporale con scarsa visibilità, è uscito dal bordo destro della pista vicino alla fine del tracciato lungo 2’740 metri, di cui 2’440 metri disponibili per l’atterraggio, e ha colpito una diga prima di fermarsi nel fiume. La pista non è scanalata per consentire il deflusso dell’acqua.

Il capitano Michael P. Connor. comandante della base navale militare di Jacksonville, ha dichiarato che la causa dell’incidente non è stata ancora determinata e ha voluto elogiare i primi soccorritori intervenuti sulla scena. “Potremmo parlare di una storia diversa questa sera. C’è molto da dire sulla professionalità delle persone che hanno aiutato i passeggeri a scendere dall’aereo. Alcuni di loro stavano tornando a vedere le loro famiglie e altri stavano continuando a viaggiare verso le loro case al di fuori della Florida”, ha riferito il capitano Connor.  

Un passeggero ha dichiarato alla rete televisiva CNN che l’aereo ha volato attraverso fulmini e temporali in avvicinamento per Jacksonville. “Mentre scendevamo, abbiamo avuto un atterraggio davvero difficile”, ha detto il passeggero Cheryl Bormann, “atterrando l’areo è rimbalzato e poi è arrivato di colpo l’arresto”, ha aggiunto.

Gli investigatori stanno intervistando tutti i passeggeri e sperano di avere un rapporto completo su questo incidente a breve.