Germania: misterioso giallo della balestra che ha mietuto 5 vittime

In una stanza di un albergo alla periferia di Passau, tranquilla cittadina barocca nella Germania sud orientale al confine con l’Austria, sono stati rinvenuti tre corpi, un uomo e due donne, uccisi con una balestra. La polizia nell’effettuare le ricerche nella casa di una delle tre vittime a circa 700 chilometri di distanza nella città di Wittingen, ha scoperto altre due donne uccise anch’esse con una balestra.

Il caso ha attirato l’attenzione pubblica per l’arma anticonvenzionale usata e la mancanza di un chiaro movente. In un paese il cui tasso di omicidi è considerato basso, le autorità tedesche stanno cercando di mettere insieme le strane circostanze e il collegamento di queste morti.

Nessuna traccia di combattimento nella piccola stanza dell’albergo. Un uomo di 53 anni identificato come Torsten W., e Kirsten E., una donna 33enne, sono stati trovati sdraiati sul letto mano nella mano, entrambi trafitti al cuore da una freccia. Un’altra donna 30enne, Farina C., giaceva sul pavimento davanti al letto matrimoniale uccisa con un colpo tra la gola e il mento, e aveva due balestre accanto. Una terza balestra è stata trovata in una borsa nella stanza.

Il pubblico ministero Walter Feiler, ha dichiarato che l’uomo era stato colpito due volte alla testa e tre volte al petto, mentre la donna accanto aveva una ferita alla testa e una freccia nel petto. Su un comodino sono state trovate due lettere apparentemente scritte dalla coppia trovata sul letto, lasciate come testamento.

Alcune prove della scena del crimine suggeriscono che la più giovane delle donne abbia “tirato” con la balestra agli altri due nel letto prima di girarla a sé stessa. Non ci sono prove che fosse coinvolta una quarta persona. I risultati dell’autopsia hanno dimostrato che nessuno dei tre aveva bevuto alcol o assunto droghe al momento della morte e non ci sono indicazioni che avessero offerto resistenza. Sembrerebbe dunque un suicidio congiunto, ha aggiunto il pubblico ministero.

Durante la ricerca nella casa di Farina C. a Wittingen a nord della Germania, gli agenti di polizia hanno trovato due cadaveri di donne che sembravano essere lì da diversi giorni. Una di loro era una insegnante 35enne di studi religiosi nelle scuole della città in congedo da tempo per malattia. L’insegnate e Farina C. avevano registrato la loro unione civile due anni fa e da allora hanno usato entrambi lo stesso cognome.

L’altro corpo trovato nella casa di Wittingen è di una 19enne che infittisce il mistero di questo caso perché sembra appartenere ad una ragazza scomparsa alcuni anni fa. Anche qui, non ci sono prove o segni di lesioni esterne su nessuno dei due corpi.

L’unico collegamento comune a tutte le cinque vittime per ora, è che tutti provenivano originariamente dalla Rheinland-Pfalz, stato federale tedesco del sud ovest confinante con la Francia.

Un ospite dell’albergo, ha riferito che l’uomo aveva una lunga barba bianca e le donne erano vestite di nero descrivendole come “strane”. All’arrivo di venerdì sera, hanno semplicemente augurato agli altri ospiti una “buona serata”, poi sono saliti nella loro stanza al secondo piano con bottiglie di acqua e Coca-Cola.

La caccia con balestre e archi è vietata in Germania e si possono sparare soltanto frecce corte.  L’inchiesta continua.