Berlino-Venezia-Lugano. Nudità di una torrida estate

di Carlo Curti

Le cronache minori riportano due fatti geograficamente distanti, ma significativi.

Berlino: La polizia nel Brandeburgo ha fermato un motociclista che andava sul suo scooter completamente nudo, nonostante indossasse il regolamentare casco. Dopo il controllo dei documenti e le scuse fornite (fa un gran caldo …) il conducente del motoveicolo ha potuto riprendere il suo tragitto. “Guidare nudi non è proibito” ha dichiarato il portavoce della polizia.

Venezia: Una turista canadese che prendeva il sole in bikini nei Giardini Papadopoli è stata multata dalla polizia urbana con 250 euro, in base all’articolo 30 del nuovo regolamento cittadino che prevede sanzioni per atti “irrispettosi” nel centro storico.

Paese che vai, balzello che trovi o … non trovi.

Immaginatevi se fosse successo dalle nostre parti; Come sarebbe andata a finire? Multe a entrambi perché anche se i conti pubblici sono tornati in nero non bisogna abbassare la guardia. Eh sì, càpita dove si ha il nulla come memoria storica recente e dove, nel dubbio, ci allinea sempre a ciò che conviene di più.

Carlo Curti, Lugano

 

immagine di coperina: Ponte dei Tre Archi, Wiki commons, Didier Descouens