L’ambasciatore britannico in USA Kim Darroch si dimette dopo scandalo diplomatico

 

“Inetto, insicuro e vanesio” questi sono gli aggettivi che l’ex ambasciatore britannico negli USA Kim Darroch ha rivolto al presidente Donald Trump. Le critiche rivolte al capo di stato erano contenute in delle note riservate al governo di Londra che tuttavia sono state intercettate e rese pubbliche da alcuni media. Trump ha immediatamente contrattaccato l’ambasciatore con un Tweet: “L’ambasciatore che la Gran Bretagna ci ha rifilato non ci esalta molto, è un uomo molto stupido. Dovrebbe parlare con il suo paese e il suo primo ministro Theresa May, dei loro falliti negoziati sulla Brexit e non arrabbiarsi per le mie critiche su quanto siano stati gestiti male. Ho provato a dire a Theresa May come portare avanti il negoziato ma lei ha voluto procedere con il suo modo stupido e non è riuscita a ottenere nulla. Un disastro!”. Il presidente ha inoltre definito Darroch un uomo o molto stupido ed arrogante.

La pressione dello scandalo diplomatico ha spinto Kim Derroch a presentare le dimissioni in quanto la situazione gli rendeva “impossibile ricoprire l’incarico” come vorrebbe. “Credo che nelle circostanze attuali la linea di condotta responsabile sia consentire la nomina di un nuovo ambasciatore”, ha aggiunto, per poi concludere: “Sono grato a tutti coloro che mi hanno offerto sostegno, nel Regno Unito e negli Usa, in questi giorni difficili… porto a casa il senso della profondità e della vicinanza delle relazioni fra i nostri due Paesi”.

Theresa May dal canto suo ha offerto il pieno sostegno del suo governo all’ex ambasciatore e ha sottolineato la gratitudine che il paese prova per un uomo che ha servito il Regno Unito per una vita intera. Il leader dell’opposizione laburista Jeremy Corbyn invece ha dichiarato che secondo lui le dimissioni di Darroch sono ingiuste in quanto indotte dagli attacchi subiti in questi giorni dal presidente.

Il responsabile degli esteri Jeremy Hunt ha promesso “conseguenze serie” per i responsabili della diffusione della nota privata di Darroch. Le scuse formali non arriveranno da Downing Street ma il ministro per il commercio internazionale britannico Liam Fox ha dichiarato che si scuserà con Ivanka Trump che vedrà ad un incontro programmato a breve a Washington.