Se Trudeau si dipinse il volto di nero a una festa, allora è razzismo

Il Primo Ministro Canadese nel 2001 aveva 29 anni e insegnava in una scuola privata di Vancouver. Fu organizzato un party, al quale partecipò la crema della società e il giovane insegnante si travestì da Aladin. Per calarsi nella parte si tinse il viso di nero, e mise un turbante, Oggi per tutto ciò è accusato di razzismo.

Il NY Times ha pubblicato la vecchia foto, allorché le comunità islamiche si sono offese e sono insorte dicendo che il Ministro li offende.

Il premier canadese, già di per sé in una campagna complicata (è coinvolto in uno scandalo per favoreggiamento), si è inutilmente scusato: la festa, ha fatto sapere, era a te, a “Arabian Nights” e il gesto di Trudeau è stato definito “razzista”. Lui pare riconoscerlo, e se ne scusa. Ma per le comunità islamiche non basta.