Voto cruciale oggi alle elezioni distrettuali di Hong Kong dopo mesi di violente proteste

 

Lunghe code di hongkonghesi senza precedenti al di fuori dei seggi elettorali per le elezioni locali di Hong Kong. È la prima volta che così tante persone sono coinvolte politicamente nell’ex colonia britannica. L’affluenza ufficiale nel primo pomeriggio aveva già superato il totale degli elettori che si erano espressi nelle elezioni del 2015, 56,4% rispetto al 30,6%. Oltre 4 milioni sono le persone aventi diritto su un totale della popolazione di 7,4 milioni. Alle 17.30 ora locale, oltre 2,3 milioni avevano già votato.

Le elezioni sono viste come una prova di sostegno o meno per l’attuale capo dell’esecutivo, Carrie Lam. Dopo le proteste iniziate da un ampio movimento a favore della democrazia contro un discutibile disegno di legge sull’estradizione, gli attivisti sperano che con il voto di oggi si possa inviare un messaggio forte al governo cinese. La maggior parte degli elettori sono giovani e l’ondata di giovani candidati pro democrazia è un segnale di contestazione per tutti i 452 seggi di Hong Kong.

Le autorità locali hanno sempre presentato i manifestanti come una minoranza e affermato che godono invece di una maggioranza silenziosa. L’Alleanza democratica sostiene al contrario di avere un grande sostegno popolare viste le enormi folle che sono uscite in strada per protestare pacificamente contro l’influenza del governo cinese, specialmente prima che la polizia vietasse i raduni. Dunque un test chiave il sondaggio di oggi.

Il controllo della maggioranza potrebbe consentire ai democratici di avere maggiore influenza nella scelta del leader e di alcuni legislatori che possono cambiare l’equilibrio del potere. I partiti dell’establishment dominano attualmente i 18 consigli distrettuali che sono organi consultivi e controllano le spese locali. Un potere effettivo molto limitato, ma queste lezioni sono diverse. Le liste conservatrici e rurali vicino a Pechino hanno sempre dominato le elezioni locali di Hong Kong. Ora i cittadini vedono un’ulteriore possibilità di esprimere le proprie opinioni sullo Stato e sul governo considerato “corrotto” di Carrie Lam.

A seguito delle violenze durante la campagna elettorale, esiste una preoccupazione per le intimidazioni. Finora tutto sembra svolgersi senza difficoltà, anche se viene segnalata la presenza di alcune persone non identificate che girano video al di fuori dei seggi elettorali. Questo fatto potrebbe violare la privacy e scoraggiare gli elettori ad esprimere opinioni di fronti ad altri.

Le elezioni si concluderanno alle 22.30 ora locale (le 15.30 in Svizzera) e i primi risultati sono attesi nelle prime ore della notte. L’elevata affluenza potrebbe far richiedere più tempo rispetto al passato per il conteggio delle schede.