“Era il nostro faro, ma adesso…” – Greta Gysin con impazienza su Daniel Koch

immagine Pixabay

PENSIERO DEL GIORNO  “All’apice della crisi COVID Daniel Koch è stato il nostro faro. Per settimane abbiamo atteso con ansia le sue conferenze stampa e seguito le sue raccomandazioni. Nel complesso penso si possa dire che abbia fatto un buon lavoro.

Ora però le sue continue interviste e la sua attività nei social media cominciano a infastidire. Il suo insaziabile bisogno di essere al centro dell’attenzione ha un che di patologico. C’è un tempo per ogni cosa, per lui sarebbe ora di ritirare la propria ingombrante presenza. Lasci i suoi successori fare il proprio lavoro, le autorità competenti gestire la crisi e prendere le decisioni necessarie. Lui si goda la meritata pensione e, nell’interesse di tutti, eviti di partecipare alla cacofonia d’opinioni che sta confondendo tutti.”

Greta Gysin

Questo post della consigliera nazionale verde ha suscitato attenzione e ampia approvazione.

Allargando il discorso, oltre Koch. Il terribile della Pandemia sono i milioni di contagi e le morti crudeli. A breve distanza segue, quasi altrettanto terribile, l’informazione sulla Pandemia, che – totalizzante ed ossessiva qual è – solo un autentico santo la può sopportare.