Non ha dubbi su Trump. Una donna scrive da New York: il Presidente è un incubo!

“Non istruita, povera, bianca, religiosamente fanatica”

Chi sono questi poveracci, questi mostri, questi ultimi della Terra? Ma sono… gli elettori di Trump (lui però è ricchissimo).

 

PENSIERO DEL GIORNO (lettera da Brooklin)  “Gli ultimi quattro anni negli Stati Uniti si sono rivelati un incubo, dal quale speriamo poterci risvegliare a novembre. I danni fatti da Trump e dai suoi sostenitori sono innumerevoli e gravissimi, e dire che i due candidati alla presidenza sono «due mali di pari livello» è, secondo me, irresponsabile e mostra inoltre una mancanza di comprensione della presente condizione del popolo americano.

Non si tratta semplicemente di una lotta tra due uomini bianchi e settantenni, ma di una netta scissione di ideologia tra i due partiti di maggioranza.

Il partito repubblicano continua a sostenere e a coltivare un’ideologia di destra (questo viene descritto bene da Nidesh Lawtoo, intervistato da Sebastiano Caroni su La Regione di settimana scorsa) che attrae una parte di americani che tende ad essere: non istruita, povera, bianca, religiosamente fanatica e facilmente persuadibile usando il razzismo come arma principale.

I repubblicani stanno anche incoraggiando e condonando la violenza contro i manifestanti che sono in disaccordo con loro.” (dal CdT)

* * *

In verità l’editoriale pontiggiano che ha fatto urlare la lettrice dalla Grande Mela era fine, sorprendente ed equilibrato. Lo definiremmo “anticonformista”. Senza assolvere il pantoclastico e maldestro (ma è anche un gioco) Donald il direttore si permette di suggerire: guardiamo anche a Biden. Spento erede di un vasto potere democratico Politicamente Corretto ma guerrafondaio, che ha portato il conflitto e gli eserciti in molti paesi del mondo, non esclusa l’Europa.

Certamente, se Pontiggia olimpicamente decreta “pari sono”, allo sbigottimento segue lo scandalo, e la signora  di New York si scatena.

Proporremo al presidente del Consiglio di fondazione (onnipotente) di prorogare il mandato  del Direttore di altri 5 anni. Non è escluso che ci ascolti.