Donald Trump licenzia il capo della sicurezza informatica per averlo contraddetto

 


Christopher Krebs, 
principale funzionario della sicurezza elettorale come direttore dell’Agenzia della sicurezza informatica, una divisione del Dipartimento della sicurezza interna degli Stati Uniti, si aspettava di essere licenziato già diversi giorni fa. Punto di riferimento per il governo americanoKrebs aveva respinto con forza le disinformazioni e le accuse di frode elettorale sulle elezioni lanciate dal presidente Trump. 

Per la corretta gestione nel garantire la tecnologia di voto elettorale, Krebs ha ricevuto gli elogi sia dai Democratici che dai RepubblicaniRichard Burr, senatore repubblicano della Carolina del Nord, ha affermato che Krebs ha svolto un “lavoro straordinario in un periodo difficile” e che andrebbe preso come riferimento per promuovere la sicurezza informatica per altre agenzie governative. Il senatore Angus King, politico indipendente ed ex governatore del Maine, ha definito Krebs un funzionario pubblico incredibilmente brillante che ha contribuito a realizzare nuove capacità cibernetiche. L’ex consigliere repubblicano per la sicurezza interna Thomas P. Bossert, ha dichiarato che Krebs ha reso l’America più sicura e il sistema elettorale più protetto.

Malgrado questo, Trump ha annunciato ieri il suo licenziamento perché era una spina nel fianco. “La disinformazione può minare la fiducia del pubblico nel processo elettorale, nonché nella nostra democrazia”, ha scritto Krebs dalle pagine del sito web governativo della Cybersecurity & Infrastructure Security Agency. Pagine usate per smontare le dichiarazioni di Trump e affermare tutte le solide misure di salvaguardia del voto comprese le procedure di verifica per garantire l’accuratezza dei risultati. “Le più sicure nella storia degli Stati Uniti”, hscritto l’Agenzia della sicurezza informatica, assicurando, con una dichiarazione in grassetto, “che non ci sono prove che un sistema di voto abbia cancellato o perso voti, cambiato voti o fosse in qualche modo compromesso”.

Una sfilza di politici repubblicani  di spiccohanno criticato Trump per averlo licenziato dopo la dichiarazione dellAgenzia governativa che ha garantito sicure le elezioni presidenziali. Ma il presidente ha replicato al licenziamento con effetto immediato di Krebs, spiegando che le sue dichiarazioni erano altamente imprecise sulla sicurezza delle elezioni del 2020, continuando senza fondamento a dichiarare che ci sono state massicce irregolarità e frodi.

Krebs, ex dirigente di Microsoft, era stato nominato da Trump a capo dell’Agenzia della sicurezza informaticanel 2017 in seguito all’interferenza elettorale russa del 2016. Ha organizzato durante il suo mandato notevoli sforzi per migliorare la sicurezza elettorale, ma è stato licenziato per non aver rispettato la linea del presidente Trump

“Sono grato per tutto quello che Christopher ha fatto e gli auguro il meglio nel suo prossimo capitolo”, ha dichiarato il senatore della Carolina del Nord, Richard Burr, un repubblicano di alto livello nel comitato dei servizi segreti del Senato, “Ha rafforzato la nostra struttura elettorale e ha creato fiducia tra i governi statali e federali”, ha aggiunto.

“L’unica cosa sicura delle nostre elezioni del 2020 è stata che erano praticamente impenetrabili dalle potenze straniere”, ha ripetuto Trump continuando a respingere i risultati presidenziali.

Il parere comune è che quello che Trump ha fatto con la rimozione del direttore della Cybersecurity & Infrastructure Security Agency, è in diretto contrasto con il sano funzionamento di una democrazia. 

Nel frattempo Rudolph Giuliani è apparso in un tribunale federale per cercare di fermare la certificazione del voto della Pennsylvania. Giuliani non appariva in una udienza dagli anni ’90, e quelli presenti in tribunale hanno riportato che il giudice distrettuale Matthew Brann stava perdendo la pazienza con l’avvocato personale di Trump. Giuliani è stato oggetto di pesanti critiche da parte dei consulenti legali avversari, che ha dimostrato incapacità di rispondere a diverse domande del giudice su aspetti tecnici legali. Mark Aronchick, un avvocato rappresentante diverse contee della Pennsylvania, ha rilasciato una dichiarazione affermando che Giuliani ignorava la legge vivendo in un “mondo fantastico” e presentando accuse ritenute “vergognose” in un tribunale americano. Giuliani ha aperto l’udienza con l’affermazione di accusa di frode elettorale diffusa a livello nazionale, ma non è stato in grado di fornire alcuna prova.

Il licenziamento di Krebs non sarà l’ultimo e sono tutti d’accordo che la situazione peggiorerà da qui fino al 20 gennaio prossimo