25 novembre – Le Donne liberali contro la violenza e in favore della parità

Il 25 novembre una giornata per richiamare l’attenzione sulla parità uomo-donna

Le donne liberali radicali ricordano la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e sottolineano l’importanza dell’introduzione della tassazione individuale quale una delle soluzioni per riportare più donne nel mondo del lavoro e garantire le loro libertà di scelta
__________________________________________________

L’Ufficio Presidenziale delle Donne Liberali Radicali Ticinesi desidera ricordare la giornata di oggi che ogni anno dal 1999 celebra una ricorrenza fondamentale per il progresso della nostra società: la Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne, per richiamare l’importanza dell’introduzione della tassazione individuale.

Il nostro sistema fiscale e il calcolo delle spese di assistenza all’infanzia in Svizzera sono ad oggi concepiti in modo che in molti casi per tante donne non valga la pena lavorare.

In alcuni casi quello che comporta realmente l’abbandono del lavoro da parte di una donna è l’inizio di una dipendenza economica che può essere estremamente pericolosa in particolare se inserita in un contesto di violenza domestica. Nell’eventualità di voler tagliare i ponti con la sua vita e ricominciare da zero, una donna si troverebbe in serie difficoltà nel riprendere in mano la propria vita, ancor più se ci sono dei figli. Inoltre immaginarsi con mezzi insufficienti crea un ulteriore carico emotivo che può portare una donna alla rinuncia di liberarsi dal giogo della sua relazione. Il modello di impegno lavorativo e nella vita personale deve essere una libera scelta e non frutto delle circostanze.

Le Donne Liberali Radicali vogliono un sistema chiaro dove tutti sono trattati in maniera equale e non deve essere il regime matrimoniale a fare la differenza. La tassazione individuale è una soluzione chiara che permette alle donne di essere libere nelle loro scelte di vita. Uno dei tanti tasselli che compongono il mosaico della reale parità di genere.

Mari Luz Besomi Candolfi, presidente DLRT

Foto di copertina: Freepik