Da mercoledì sera Marina Carobbio Guscetti è ufficialmente candidata al seggio in Consiglio federale che la sua collega di partito Micheline Calmy Rey lascerà il prossimo mese di dicembre. Le riserve sono state finalmente sciolte e la sua corsa elettorale ha dunque inizio.

Forte del successo elettorale dello scorso fine settimana (è stata rieletta in Consiglio Nazionale con 30’651 voti) ieri Carobbio Guscetti ha dato l’annuncio alla direzione del PS, che in serata lo ha presentato al Comitato cantonale tenutosi a Bellinzona.
I suoi avversari, noti a tutt’oggi, saranno i consiglieri di Stato Pierre-Yves Maillard e Jean Studer (vodese il primo e neocastellano il secondo) e il vallesano Stéphane Rossini.

Franco Cavalli, giunto terzo per l’elezione al Consiglio degli Stati (con 35’735 voti) e più che mai deciso a uscire vincitore dal ballottaggio del 20 novembre, ieri sera a Bellinzona ha dichiarato che una sua vittoria al ballottaggio favorirebbe anche la corsa al governo federale di Marina Carobbio Guscetti. Se lui verrà eletto, a dicembre si troverà in quella parte di Parlamento che deciderà delle candidature per il Consiglio federale. Lui ritiene che le conoscenze che ha coltivato durante il periodo in cui era capogruppo potrebbero aiutare la collega di partito, anche se – lo ammette – per Marina Carobbio non sarà un’elezione facile.