Una nuova agenzia di rating potrebbe giungere a breve in Europa, stando alle recenti dichiarazioni dell’economista tedesco Roland Berger al quotidiano Corriere della Sera.

Berger ha indicato che vorrebbe vedere questa concorrente di Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch Ratings emergere al più tardi entro settembre di quest’anno.
Si tratterebbe di un’organizzazione a capitale privato, senza scopo di lucro e con lo statuto di fondazione, precisa l’economista.
Berger ha condotto una campagna serrata presso i governi e le aziende europee per raccogliere i fondi e il sostegno necessari alla creazione di questa agenzia. Spera di raccogliere nei prossimi mesi i 300 milioni di euro di capitale necessari.
Il modello proposto consiste in un’agenzia dove i giudizi e le analisi sono pagati dai clienti, i quali hanno interesse nell’avere risultati giusti ed soggettivi.
Presso Moody’s, S&P e Fitch sono gli emittenti dei titoli – e non gli investitori – che pagano per ottenere una nota di credito.
Markus Krall, principale responsabile del progetto e associato di Roland Berger, ha spiegato al settimanale tedesco Euro am Sonntag che la nuova agenzia europea si distinguerebbe dalle sue concorrenti accettando una responsabilità giuridica per le analisi.
Questo significa che i clienti potrebbero chiedere il risarcimento di danni e interessi in caso di valutazione errata, il che costituirebbe una valida motivazione per fornire analisi esatte.