Il comitato per i diritti umani Gherush92 ha proposto di censurare la Divina Commedia (scritta da Dante Alighieri fra il 1304 e il 1321) perchè sarebbe un testo antisemita, razzista e omofobo.

Gherush92 è un’organizzazione che opera a livello internazionale, consulente delle Nazioni Unite e fautrice di progetti educativi e di sviluppo, scrive oggi il Corriere della Sera: “La sua presidente, Valentina Sereni, definisce offensivi e discriminatori il XXXIV dell’Inferno, dove Giuda Iscariota viene raffigurato tra le fauci di Lucifero, a testa in giù. Condanna i testi islamofobi, come quello che nel XXVIII della stessa cantica sancisce la condanna di Maometto “seminatore di scandalo e scisma”.
L’omofobia condannata la si trova nel collocamento del sodomita Ser Brunetto Latini fra i dannati.”

“Certo che se dovessimo estendere i nostri criteri di politicamente corretto a tutta la letteratura del passato, pochissimo si salverebbe – commenta Paolo Di Stefano, autore dell’articolo.