Lunedì l’agenzia di rating statunitense Moody’s ha rivisto al ribasso, da “stabile” a “negativo”, l’outlook sul merito di credito “Aaa” di lungo periodo dell’Unione europea.

La decisione rispecchia l’outlook negativo assegnato alla “Aaa” dei principali paesi del gruppo, quali Germania, Francia, Regno Unito e Olanda, che da sole contano per circa il 45% del budget.
Gli analisti di Moody’s ritengono che abbia senso giudicare il merito di credito dell’Unione europea dallo stato di salute dei paesi membri più forti – si legge nel comunicato.
L’agenzia non esclude di abbassare, a breve termine, anche il rating della Zona euro.