Warning: Attempt to read property "post_excerpt" on null in /home/clients/d43697fba9b448981cd8cd1cb3390402/web/content/themes/newsup/single.php on line 88

Dietro Innocence of muslims, il film contro l’Islam emergono i gruppi fondamentalisti cristiani statunitensi, scrive il portale d’informazione “Contropiano.org” : “Un’operazione di guerra ideologica a basso costo e alto “rendimento” che potrebbe essere un siluro sulla strada di Obama per le prossime elezioni.”

“Innocence of muslims” per dichiarazione esplicita dei suoi autori – si legge nell’articolo – vuole dimostrare che l’islam è un cancro e non esita a mettere in ridicolo Maometto, profeta dell’islam … una scelta deliberata per innescare reazioni.
Il film aveva circolato poco o niente, ma il suo trailer era uscito a luglio su youtube in inglese e solo nei giorni scorsi ne è uscita un versione doppiata in arabo fatta pervenire alla televisione egiziana. Quest’ultima ha diffuso la notizia e il cerino è diventato fuoco che ha divampato nella prateria rognosa delle relazioni tra Stati Uniti e mondo islamico.

Intanto è ormai appurato che il produttore Sam Bacile non esiste, è un nome fittizio … in realtà il deus ex machina dell’operazione sembra essere un personaggio inquietante dal nome Steve Klein.
Klein è un ex marine, cristiano fondamentalista di una setta che si definisce “Chiesa Kaweah”… un gruppo che istiga all’odio religioso, in particolare contro i musulmani.

Il Daily Beast rivela che Klein è anche legato al gruppo ultrareazionario dei “Minuteman”, vive in California, … in particolare Klein sostiene che in California ci sono delle cellule dormienti di Fratelli Musulmani pronti a colpire.
… Infine compare un altro personaggio che si era già distinto nel fomentare tensione con il mondo islamico: si tratta del reverendo cristiano fondamentalista della Florida Terry Jones che aveva bruciato pubblicamente delle copie del Corano.
Il reverendo Jones afferma di non aver contribuito alla realizzazione del film ma di aver contattato il regista, di aver pregato per lui e di volerlo aiutare nella distribuzione.
“Ho parlato con lui per telefono, Sam Bacile non è il suo vero nome, vive in clandestinità, è abbastanza scosso per ciò che sta accadendo – ha detto Jones all’Huffington Post.

… Il milieu è quello della pancia profonda e oscura degli Stati Uniti. Cristiani fondamentalisti e esaltati religiosi che vivono la guerra di civiltà con un esaltante scontro globale…
… Gli effetti più immediati sono stati quelli di aver scatenato proteste e assalti contro le ambasciate statunitense in Medio Oriente, in particolare in due paesi emblematici per l’amministrazione Obama come Egitto e Libia.
… I Repubblicani e gli israeliani hanno tutto l’interesse a complicare la vita a Obama proprio in previsione delle prossime elezioni. Un gruppetto di fondamentalisti esaltati dalla Bibbia e un’operazione mediatica ben riuscita possono essere molto utili in tal senso.”