Barack Obama verrà rieletto alla presidenza degli Stati Uniti per un ulteriore quadriennio. E questo accadrà grazie al voto degli ebrei americani.

E’ quanto scrive il portale d’informazione israeliano JSSNews.com : “Malgrado la sua catastrofica politica nei confronti di Israele, malgrado la sua diplomazia che spinge i palestinesi a chiedere sempre di più, malgrado un Iran presto dotato dell’arma atomica, malgrado il suo sostegno agli islamisti che hanno rovesciato Hosni Moubarak, gli ebrei americani voteranno massicciamente per Barack Obama.
Un sondaggio Gallup pubblicato da BuzzFeed mostra che gli elettori ebrei sostengono Obama contro Romney in un rapporto di 70% contro 25%.
Quattro anni fa, Obama aveva vinto la Casa Bianca grazie a un 69% di voti ebrei, contro appena il 25% raccolto dal suo rivale repubblicano McCain.

Sempre su JSSNews.com si legge che “il biglietto che Mitt Romney ha lasciato in una fessura del Muro del pianto (durante una sua recente visita in Israele, ndr) è stato discretamente ritirato dagli agenti della Fondazione del Patrimonio per il Muro Occidentale.
La Fondazione ha precisato di averlo messo in un posto diverso del Muro, protetto da sguardi indiscreti e giornalisti curiosi per mantenere il riserbo su quanto scritto da Romney.
Di fatto, si voleva evitare una replica di quanto era accaduto nel 2008, quando l’ex senatore (e candidato alla presidenza) Barack Obama si era recato al Muro del pianto per lasciarvi un biglietto.
Pochi minuti dopo la sua partenza, il biglietto era stato preso da un giornalista, che lo aveva fatto pubblicare nel quotidiano Maariv.
La pubblicazione dei pensieri di Obama sul giornale aveva attirato l’ira di tutti i commentatori israeliani.
Il rabbino preposto al Muro Occidentale, Shmuel Rabinovitz, aveva ricordato che “i biglietti lasciati nel Muro sono un contatto tra la persona e il suo Creatore. E’ proibito leggerli o farne un qualunque uso.”