Mörgeli yzLiebe Facebook-Freundinnen und -Freunde, liebe Anhänger und Gegner meiner politischen Ansichten

Ich kann Ihnen mitteilen, dass nach einem organisierten Angriff auf die Medienfreiheit Facebook mein Konto nach einer vorübergehenden Sperrung soeben völlig unverändert wieder frei geschaltet hat. Ich danke Facebook für die Verteidigung der Meinungsfreiheit und für die ausdrückliche Entschuldigung für die erlittenen Unannehmlichkeiten, ich danke aber auch all den vielen unterstützenden Stimmen, die sich für mich und meine Meinung eingesetzt haben.


Mörgeli x

Il lettore si sforzi e faccia un piccolo esercizio di comprensione. Christoph Mörgeli (che il dottor Cavalli sfacciatamente chiama “l’orribile Mörgeli”; ho pensato talvolta che, per rappresaglia, noi potremmo chiamarlo “l’orribile Cavalli”…; ma no, noi non lo facciamo), consigliere nazionale UDC, direttore abusato, mobbizzato e cacciato (per pura e spregevole vendetta politica) del Museo di medicina, amico di Christoph Blocher, è stato cancellato ieri da Facebook.

E perché mai? Per avere (l’ho sentito alla radio) pubblicato la foto di un barcone colmo di migranti con la didascalia: “È in arrivo la forza lavoro qualificata”, indubbiamente sarcastica.

Dopo 12 ore Mörgeli è stato reintegrato. Ma c’è veramente da avere paura. Ormai ciò che è da dire o non dire ci viene prescritto, e non è lontano il giorno in cui ci diranno che cosa potremo pensare (perché controlleranno anche quello).

PS. Ho tentato di diventare FB-amico di Mörgeli ma mi è andata buca. Inesorabile è apparsa sullo schermo la scritta: IL NUMERO MASSIMO DI AMICI È STATO RAGGIUNTO, LA RICHIESTA NON PUÒ ESSERE ACCOLTA.