Il direttore di un locale Starbucks di Philadelphia, catena statunitense di caffetterie, irritato dal fatto che due giovani di colore avessero chiesto di poter usare la toilette senza aver prima ordinato, ha chiamato la polizia facendoli arrestare perché una volta invitati ad uscire dal negozio si sono rifiutati. Clienti testimoni del locale hanno detto che stavano aspettando l’arrivo di un altro uomo – quella persona è arrivata effettivamente mentre venivano arrestati – dichiarando inoltre che altre persone non paganti pochi minuti prima avevano ricevuto un trattamento completamente diverso.

L’imbarazzante scena discriminatoria è stata ripresa tramite vari telefonini dei clienti, tra cui Melissa Depino, una ragazza impegnata sul tema del razzismo che ha scatenato un’ondata di proteste soprattutto dopo che il video è diventato virale sui social.

Il CEO del colosso americano, Kevin Johnson, si è scusato personalmente per il ruolo dell’azienda nello spiacevole episodio e ha chiesto di incontrare i due giovani. Ha definito gli arresti “riprovevoli” e ha promesso di agire perché non accada di nuovo.

I tempi dell’incontro non sono stati stabiliti, ma secondo un portavoce, la società spera che l’incontro si verifichi questa settimana mentre Johnson è a Philadelphia per affrontare la controversia sull’arresto avvenuto per “sconfinamento”.

In un’intervista di lunedì mattina durante la trasmissione “Good Morning America” della rete televisiva ABC, Johnson ha detto che spera di incontrare i due uomini di persona per scusarsi faccia a faccia. “Mi piacerebbe avere un vero dialogo con loro in modo da poter garantirci l’opportunità di capire davvero la situazione e mostrare compassione ed empatia per l’esperienza che hanno vissuto”, ha detto. “Infine, mentre stiamo lavorando per risolvere questo problema, vorrei invitarli a unirsi a me nella ricerca di un modo costruttivo per risolvere questo problema”.

Il direttore del locale che ha chiamato la polizia non lavora più in quel negozio, ha detto il portavoce di Starbucks, Jaime Riley, anche se non ha voluto commentare se lavora in un altro posto della catena. “Starbucks è fermamente contrario alla discriminazione o alla profilazione razziale”, ha affermato.

I problemi sono iniziati quando i due ragazzi hanno chiesto il codice necessario per utilizzare il bagno e hanno detto che era disponibile solo per i clienti paganti. Non esiste una politica aziendale per l’uso del bagno nei negozi Starbucks, ma molti negozi nelle aree ad alto traffico richiedono un codice stampato sulle ricevute per poterlo utilizzare.

Il sindaco di Philadelphia, Jim Kenney, ha rilasciato una sua dichiarazione affermando che l’incidente “sembra esemplificare ciò che la discriminazione razziale appare nel 2018”. Le scuse di Starbucks “non sono sufficienti” e chiederebbe alla Commissione sulle relazioni umane di esaminare le politiche e le procedure dell’azienda e la formazione dei suoi dipendenti.

Alcuni manifestanti erano di fronte al negozio lunedì, entrando nel negozio quando sono iniziate forti piogge. Sono stati ammessi nel negozio senza essere obbligati a comprare nulla.

Il procuratore di Philadelphia ha annunciato che i ragazzi sono stati rilasciati dal momento che Starbucks non ha esposto denuncia.

Con le scuse personali il CEO di Starbucks ha dato una lezione importante per la leadership.