Il Comitato cantonale è convocato a Melide il 1° agosto con inizio alle 9.

Solo gli aventi diritto – cioè i membri del CC – potranno partecipare alla riunione. Lo riferisce il Corriere del Ticino. Il voto sarà segreto (è già stato chiesto).

A seguire: conferenza stampa e festa (dalle 10 in piazza Fontana), con discorsi, pranzo ed attrazioni varie.

* * *

LA NOSTRA OPINIONE

  • Benché da più parti si tenda a “sdrammatizzare”, la decisione che il partito deve prendere è fondamentale e ne condizionerà il futuro.
  • Le Porte Chiuse non piaceranno a tutti ma sono comprensibili, vista la delicatezza estrema dell’argomento. Il dibattito potrebbe essere aspro e i giornalisti sono così inaffidabili!
  • Non possiamo che approvare il voto segreto, che è già stato richiesto (come riferisce il CdT). In un caso del genere il voto aperto lascerebbe  il votante in balia del condizionamento e della pressione psicologica. Sarebbe (detto fuori dai denti) un voto “non libero”.
  • Nutriamo la convinzione che i dirigenti del partito abbiano meditato a fondo la loro mossa. Un NO a Melide sarebbe traumatico. Ma anche dopo un SÌ la vittoria non è assicurata.