Gerald Celente sulla manipolazione nel mercato dell’oro

L’economista Gerald Celente spiega perchè esistono due universi paralleli per quanto riguarda il mercato dell’oro e dell’argento. Propositi ancora attuali, malgrado l’intervista fosse stata concessa un anno fa al sito King World News.

“Secondo me esistono due modi di commercializzare l’oro – spiega Celente – Passare dal mercato cartaceo con le vendite allo scoperto, il che è un mercato fittizio. E’ il mercato manipolato. Oppure acquistare oro fisico e prenderlo in consegna. E’ un mercato molto attivo. Si tratta di due universi separati.

Sul mercato dell’oro vi sono quelli che manipolano il mercato e quelli che acquistano metallo fisico. I primi ascoltano religiosamente la Federal Reserve. Ognuna delle parole della Fed circa i tassi d’interesse o i quantitative easing li fanno reagire all’istante.

Discorsi che causano grandi rialzi e poi grandi ribassi. E’ totalmente ingiustificato: quando guardiamo la situazione economica non vi è alcuna ripresa. Punto.
Cosa è successo dal 2008? Hanno iniettato nel panico circa 17 trilioni di dollari, fra quantitative easing e iniezione di liquidità nelle banche.”

Il corso dell’oro è manipolato

“E’ sufficiente guardare le cifre – prosegue Celente – Tutt’al più la ripresa è timida negli Stati Uniti, mentre adesso la Cina rallenta. L’Europa continua a rallentare, le cose non fanno che peggiorare. I tassi d’interesse sono ai livelli più bassi, oggi l’oro dovrebbe raggiungere il culmine.

Ma non è nell’interesse dei banchieri centrali, in tutto il mondo, avere un corso dell’oro che batta i record. Perchè se fosse il caso, le persone realizzerebbero che la carta che acquistano non ha alcun valore. E’ così semplice.
I banchieri centrali fanno di tutto per abbassare il corso dei metalli preziosi, per poter continuare a vendere la loro carta senza valore. Così che le persone continuino a credere in un sistema al bordo dell’implosione.”

(Fonte : or-argent.eu)