La Costituzione Italiana come esempio di nuova umanità dall’individuo al sociale

di Cristina T. Chiochia

La vicina Italia riesce spesso a stupire per offrire spunti nuovi rispetto ai temi che la propria storia nazionale ogni giorno offre. Sicuramente vedere la Costituzione italiana come una nuova forma di comunicazione per sviluppare la società è un punto di vista interessante.

La Costituzione Italiana insomma, come una nuova umanità dall’individuo al sociale. Ma per comprendere come ben 200 persone si siano date appuntamento per discutere di questo, si deve fare necessariamente un passo indietro. Partire ,insomma, dalla comunicazione ai tempi di internet. Mondo affascinante che colma distanze infinite in un click. In Italia con ospiti da Milano a Genova, da Pisa a Grosseto, si sono dati appuntamento in Toscana, alle Officine Garibaldi di Pisa, esperti in comunicazione relazionale come motore per l’evoluzione personale sino ad arrivare ad aspetti di una nuova umanità italiana dall’individuo al sociale attraverso la carta fondatrice dell’ordinamento italiano.

Una giornata esperienzale questo sabato, 22 Giugno, che ha raccolto oltre 200 persone provenienti da tutta Italia per sviluppare l’attitudine alla comunicazione relazionale fuori e dentro di sè. Sia come motore della propria esistenza, con alcuni esercizi tra cui di mindfulness, sia dei propri obiettivi di vita come mezzo di evoluzione individuale e sociale e civili. E se, abbiamo spiegato anche in precedenti articoli, il “mood del benessere”, evoca spesso pratiche olistiche e lo yoga, Michele Micheletti, deus ex machina di questo evento, a voluto invece partire dalla base biologica e sociale della comunicazione dando spazio anche alla carta fondante dello Stato Italiano: punto di vista inedito da cui partire.

Gli ospiti, molto noti al pubblico dei social network italiani tra cui Erica Francesca Poli, Mauro Scardovelli e Guido Marini si sono avvicendati sul palco della manifestazione organizzata dalla Associazione Culturale Evolution insieme alle Officine Garibaldi con grande successo.

Come recita il comunicato stampa dell’evento: “l’essere umano cresce in consapevolezza quando la sua comunicazione si espande divenendo possibilità di miglioramento da individuale a collettivo.Nel processo evolutivo della coscienza di un essere umano avvengono due importanti movimenti: il primo è il passaggio tra lo stato di non-attenzione ed il risveglio, il secondo è tra il risveglio e il raggiungimento della trasformazione interiore. Questi due momenti sono unificati dallo svolgersi di un processo nel quale abbonda l’attività comunicativa e di coesione.La comunicazione trasmette segnali, lega e connette. La coesione crea i legami tra le persone che hanno un’attrazione comune o un’affinità, e unisce. Sono due fasi dello stesso fenomeno: connettere è il principio, unire è la fine (Alberto José Varela).La comunicazione, quando diventa profonda e matura, assume le caratteristiche necessarie per essere essa stessa uno strumento di potenza in grado di creare le condizioni per il risveglio”.

E così, se la dottoressa Erica Francesca Poli, psichiatra, psicoterapeuta e counselor di Milano fondatrice del EFP Group -emotional freedom psychobiology- ha proposto il “paradigma” della comunicazione cellulare alle emozioni come prevenzione, diagnosi e terapia con finalità di mantenere al meglio lo stato del benessere psicofisico e sociale di un individuo “ripristinando le sue stesse capacità di guarigione e rispettandone l’equilibrio e l’integrità”, con il dottore toscano Guido Marini, medico specialista nell’apparato digerente di Grosseto, si parte dalla comunicazione biologica che è interna: dal macrobiota allo stato dell’umore.

In questo modo, riconoscendo la completa unità di corpo, mente e psiche e le proprie abitudini di vita, ecco che l’ambito dell’uomo come “animale sociale” viene sviscerato dal dottor Mauro Scardovelli, psicologo, psicoterapeuta, giurista e musicoterapeuta, che con il suo intervento sulla Costituzione Italiana con dall’individuo alla società: la nuova umanità. Una “comunicazione viva”, come lo stesso Micheletti spiega nel suo intervento. Una Italia che offre cuore ed anima, cellule ed emozioni, ad un dialogo sul proprio status, sia su base psichica e somatica. Chiamando in causa “gli italiani” come individui sociali.

La Costituzione italiana, come punto di arrivo ma anche di partenza per una Italia che attualmente si pone tante domande. Una Costituzione “anima del popolo comunità, contiene una straordinaria sintesi dei valori umanistici e universali. Ancora oggi, in tempi bui, essa ci indica una strada sicura da percorrere per restituire dignità alle persone e alle famiglie, ridare forza al lavoro e alle imprese, rimettere al centro lo sviluppo della cultura e la salvaguardia dell’ambiente”.

Concludendo, un evento inedito sulle meccaniche relazionali. Per comprendere come l’apparato Italia possa funzionare al meglio, partendo dalle sue splendide cellule principali: i suoi cittadini…