In difesa di Maurizio Canetta

“La nostra esperienza e il nostro serio impegno a favore della RSI si concludono qui”.

Canetta-x1Questo scrivono Michele Foletti, Paolo Sanvido e Silvia Torricelli, esponenti della Lega dei Ticinesi negli organi della Corsi. Si dimettono seduta stante. Un’ottima decisione, diremmo, che persino Ticinolive, nel suo piccolo, aveva suggerito. In effetti, continuare a fornire un alibi e una foglia di fico all’Azienda-che-dovrà-risparmiare (!) non era il massimo dell’astuzia. “È tutto inutile” scrivono sconsolati. Ce n’è voluta (di polenta).

Ma io stamani voglio essere giusto e difendere Maurizio Canetta. Il direttore è lì per svolgere un compito preciso, deve comportarsi in un certo modo e non può fare diversamente.

Quindi Canetta è assolutamente innocente.