Il Manifesto “liberalconservatore” di Area Liberale

Morisoli 1Area Liberale presenta qui le sue linee direttrici generali. Nella mail di accompagnamento il presidente Sergio Morisoli scrive, significativamente: “AL continuerà il suo percorso da sola, come pure farà l’UDC; ritenendo che i due partiti hanno più vantaggi per catturare l’interesse dell’elettorato rimanendo distinti ma collaborando sulle questioni di fondo e sfruttando il gruppo unito in GC per l’operatività parlamentare.”

* * *

MANIFESTO DI AL

TRE condizioni necessarie per ripartire

  • La Modernizzazione dello Stato: legittimità, efficienza e efficacia (ruolo, regole e funzione).
  • L’Ottimizzazione tra Politica estera e Politica interna. La consapevolezza identitaria di chi siamo e cosa vogliamo (politica interna) con la necessità di negoziare con chi ci sta attorno (politica estera).
  • Il Rilancio della società civile tramite: il principio del federalismo liberale svizzero (sussidiarietà e solidarietà dal basso), la democrazia diretta e partecipativa (favorire iniziative e referendum popolari), il controllo finanziario statale in mano al popolo (referendum finanziario obbligatorio), la prosperità economica (togliere i bastoni dalle ruote di chi vuol fare).

* * *

CINQUE urgenze di riequilibrio liberale

  1. Urgenza:

Legiferare dall’ottica del cittadino e non dello Stato.

Obiettivo: ri-equilibrare diritti e doveri.

  1. Urgenza:

Promuovere la società civile tramite i principi di sussidiarietà e di solidarietà, per sconfiggere le varie esclusioni.

Obiettivo: ri-equilibrare libertà e responsabilità.

  1. Urgenza:

Valorizzare le imprese creatrici di lavoro e ricchezza, e incentivare la proprietà privata, il mercato e il profitto. Basta tassa e spendi e ristrutturare la spesa pubblica: tassando meno e spendendo meglio.

Obiettivo: ri-equilibrare autonomia personale e dipendenza pubblica.

  1. Urgenza: educativa/civica/culturale. Integrare in un modello partecipativo e innovativo le pluralità e le diversità degli attori e degli enti sia statali che privati.

Obiettivo: ri-equilibrare identità locale e multiculturalismo anonimo.

  1. Urgenza:

Modernizzare lo Stato per uscire dal paternalismo statale ridistribuendo in modo innovativo finanze e i compiti tra Cantone e Comuni.

Obiettivo: ri-equilibrio tra centralismo burocratico e decentramento politico.

* * *

SETTE situazioni da cambiare

1. Famiglie tradizionali: da penalizzate a favorite
2. Aziende serie: da demonizzate a promosse
3. Contribuenti: da strizzati a rispettati
4. Lavoratori e ceto medio: da dimenticati a valorizzati
5. Proprietà privata: da punita a incentivata
6. Bilaterali: da subiti a gestiti
7. Stato: da costoso e deficitario a parsimonioso ed equo